Così la politica lascia annegare 60 bambini (e 200 adulti). Il video.

Il sempre bravo Fabrizio Gatti, per l’Espresso (qui):

Nave Libra, il pattugliatore della Marina italiana, è ad appena un’ora e mezzo di navigazione da un barcone carico di famiglie siriane che sta affondando. Ma per cinque ore viene lasciata in attesa senza ordini. Il pomeriggio dell’11 ottobre 2013 i comandi militari italiani sono preoccupati di dover poi trasferire i profughi sulla costa più vicina. Così non mettono a disposizione la loro unità, nonostante le numerose telefonate di soccorso e la formale e ripetuta richiesta delle Forze armate maltesi di poter dare istruzioni alla nave italiana perché intervenga.

Il peschereccio, partito dalla Libia con almeno 480 persone, sta imbarcando acqua: era stato colpito dalle raffiche di mitra di miliziani che su una motovedetta volevano rapinare o sequestrare i passeggeri, quasi tutti medici siriani. Quel pomeriggio la Libra è tra le 19 e le 10 miglia dal barcone. Lampedusa è a 61 miglia. Ma la sala operativa di Roma della Guardia costiera ordina ai profughi di rivolgersi a Malta che è molto più lontana, a 118 miglia.

Dopo cinque ore di attesa e di inutili solleciti da parte delle autorità maltesi ai colleghi italiani, il barcone si rovescia. Muoiono 268 persone, tra cui 60 bambini. In questo videoracconto “Il naufragio dei bambini”, L’Espresso ricostruisce la strage: con immagini inedite, le telefonate mai ascoltate prima tra le Forze armate di Malta e la Guardia costiera italiana, e le strazianti richieste di soccorso partite dal peschereccio. In quattro anni, dopo le denunce dei sopravvissuti, nessuna Procura italiana ha portato a termine le indagini¢


Also published on Medium.

18 Commenti

  1. Oh my goodness! Impressive article dude! Manyy thanks, However I am having issuees with your
    RSS. I don’t know the reason why I can’t join it.
    Is there anybody havijg the same RSS issues? Anyon that knowss the ssolution will you kindly respond?
    Thanks!!

  2. Dove sono quelli di sinistra? Quelli che manifestavano contro la guerra ? Quelli che manifestavano per i diritti dei lavoratori ? Quelli che si schieravano dalla parte dei deboli, Quelli contro la vendita di armi, Quelli contro lo sfruttamento compiuto dalle mutinazionali ?. Cosa fanno oggi ? Si indignano ?

  3. Non dobbiamo dimenticare che il problema degli sbarchi li stiamo gestendo soltanto noi, navi di varie nazioni scaricano carne umana come se fossero vacche sulle nostre coste! E poi ci sono quelli che ci guadagnano oltre gli scafisti. Sono d’accordo sui soccorsi ma tutta l’@frica a casa nostra non la voglio per ovvi motivi. Bisogna ripartirli tra i paesi europei e bloccare le partenze di questi disgraziati!

    1. Daniela Vallelonga allora che i governi inizino a fare veramente qualche cosa per queste popolazioni stremate da fame malattie e guerre, che venga istituito un canale umanitario legale andiamo a prenderli in sicurezza togliamo di mezzo gli scafisti e soprattutto smettiamo di dare la responsabilità dei morti in mare alle popolazioni che accolgono. in sintesi gli italiani salvano i migranti non il governo poi il governo ci spieghi anche perchè i morti in mare sono più importati dei morti per fame nell’emergenza il tempo che si impiega a morire è lo stesso

    2. Vorrei capire come si possono bloccare le partenze di persone che hanno le bombe che gli cadono in testa. Io nella loro situazione scapperei immediatamente con tutta la mia famiglia!!! Giusto il concetto di eliminare questi viaggi della morte. Predisponete aerei queste persone nella maggior parte dei casi non.sono indigenti, possono pagare!! Che facciano un.viaggio sicuro!

    3. L’Europa deve farsi carico del problema come pattuito, fino a quando potremo gestire il flusso? Che facciamo accogliamo tutta l’Africa? Ma ci fate o ci siete deboli di mente, le disuguaglianze stanno aumentando sempre di più’ anche a causa di questi immigrati perché’ lavorano a basso costo ed è al saldo della manovalanza criminale. Se questo è populismo allora lo sono!

  4. Non è solo la politica il problema, sono le persone che hanno risposto alle chiamate. Ma come si fa a ignorare una richiesta di aiuto per seguire delle procedure?!?! Come fanno queste persone a dormire la notte?

Rispondi