Briatore, vorrebbe insegnare l’etica del lavoro e intanto gli sequestrano il Twiga per abuso edilizio

Lo scrive l’Ansa:

Carabinieri forestali e carabinieri della sezione di Pg della Procura di Lecce , congiuntamente alla polizia provinciale, stanno eseguendo un provvedimento di sequestro preventivo nei confronti dello stabilimento balneare Twiga Beach Club, il noto marchio dell’imprenditore Flavio Briatore. La struttura è in realizzazione sul litorale di Otranto. Il provvedimento di sequestro è a firma del sostituto procuratore di Lecce Antonio Negro; l’ipotesi di reato è di abusivismo edilizio.

Briatore estraneo, sospeso l’accordo con la Cerra srl – “Billionaire Lifestyle, proprietaria del marchio Twiga, dichiara di aver sospeso, in accordo con la stessa Cerra srl, sino a quando la situazione non sarà chiarita a livello giuridico, l’unico legame che legava le due società: il contratto di licenza del marchio Twiga”. Lo rende noto la società Billionaire dopo le notizie relative al sequestro, ad Otranto, dello stabilimento balneare Twiga. La società Cerra è l’impresa che si occupa del progetto dei lavori che erano in corso e che la magistratura ritiene non conformi alle autorizzazioni rilasciate dagli organi competenti. La precisazione di Billionaire Lifestyle – è detto nel comunicato – è finalizzata a “tutelare il nome Twiga e quello del suo fondatore, il signor Flavio Briatore, che sono del tutto estranei agli accertamenti in corso. Si ribadisce ancora come il signor Briatore non sia socio di Cerra Srl e non abbia alcun legame con le sue attività, al di là di aver stretto un accordo di licenza del marchio Twiga tramite Billionaire Lifestyle Sarl che permetteva di denominare il locale stesso Twiga”.

Indagato candidato sindaco – Ci sono due indagati nell’inchiesta della Procura di Lecce che oggi ha portato al sequestro probatorio, per abusivismo edilizio, del cantiere dove sta sorgendo lo stabilimento balneare Twiga di Flavio Briatore. Si tratta dell’imprenditore che sta realizzando l’opera, Raffaele (detto Mimmo) De Santeis, rappresentante legale della società ‘Cerra srl’, e dell’ingegnere progettista responsabile dei lavori, Pierpaolo Cariddi, fratello del sindaco uscente di Otranto Luciano Cariddi. Pierpaolo Cariddi è in lizza come candidato sindaco a Otranto per una lista civica alle prossime elezioni amministrative. Ad entrambi questa mattina i carabinieri hanno notificato un avviso di garanzia. Le accuse che vengono contestate sono di abuso edilizio in zona soggetta a vincolo paesaggistico e di occupazione abusiva del demanio marittimo. Questa mattina i carabinieri hanno provveduto ad apporre i sigilli a tutti gli accessi dell’area, mentre è stata concessa la facoltà d’uso per la manutenzione del verde. L’attività investigativa avrebbe consentito di accertare consistenti interventi di sbancamento e spianamento del terreno, lavori edili e modifiche allo stato dei luoghi in violazione della normativa e in difformità con le opere per le quali il Comune di Otranto ha rilasciato la relativa autorizzazione.


Also published on Medium.

29 Commenti

  1. Il sequestro, ahinoi, è solo “preventivo”: niente che futuri permessi in sanatoria non possano rendere nuovamente legittimo. La spocchia di Briatore rimane intatta ma, credo, che in questo caso non sia dolosa. Più grave, secondo me, la sfrontatezza del legame fra affari e politica locale che, invece.che tutelare il supremo interesse pubblico, assegna incarichi palesemente e vergognosamente incompatibili per il rilascio dei permessi.

  2. Dal titolo si capisce che Briatore abbia commesso abuso edilizio…poi ti leggi l articolo è capisci che l abuso edilizio l ha commesso un azienda esterna, partner di Briatore ,dove Briatore non ha nemmeno l ‘1% di quota .
    Quindi Briatore ti serve giusto x fare più clic all’ articolo.
    #cosasifaxuntoccodipane

  3. C’è già Porto Cervo, c’è Forte dei Marmi ecc. Lasciateci il Salento puro, dove ancora si mangia il pesce buono con 15 euro a testa nei piatti di plastica e dove la gente è cortese e generosa perché è così, non perché deve in quanto pagata.

Rispondi