Fu violentata a 15 anni dal branco. Per il sindaco: «È stata una bambinata»

“Sono inquietanti le parole del sindaco di Pimonte, Michele Palummo, che nella puntata de ‘L’aria che tira’ del 3 luglio ha liquidato lo stupro di gruppo su una ragazzina di 15 anni da parte di 12 suoi coetanei come una “bambinata che ormai è passata”. Lo hanno detto Celeste Costantino, deputata Sinistra Italiana, e Stefania Fanelli dell’associazione Frida Kahlo La città delle pari opportunità. Si tratta della violenza sessuale subita un anno fa da una ragazzina 15enne di Pimonte da parte di un gruppo di 11 adolescenti, tra cui il suo fidanzato. In più occasioni lo avevano attirata in trappola per poi abusare di lei nella Valle Lavatoio.

E’ di pochi giorni fa la notizia che la 15enne si è trasferita in Germania con la sua famiglia dopo che al gruppo di ragazzi accusati della violenza i giudici hanno concesso la messa in prova nello stesso comune di Pimonte. “Dalla condanna in poi la comunità, anzicché stringersi intorno a lei, l’ha stigmatizzata ed esclusa socialmente per un danno che lei ha subito e non perpetrato, come ha avuto modo di constatare il garante per l’infanzia e l’adolescenza della Campania, Cesare Romano”. Ieri in tv il sindaco di Pimonte Michele Palummo, da poco rieletto primo cittadino nella tornata elettorale dello scorso mese di giugno, ha minimizzato la violenza derubricandola ad una bravata.

“E’ sempre così: laddove una donna, in questo caso una bambina, denuncia una violenza sessuale, è lei a pagarne le conseguenze non solo per lo stupro subito, ma per l’additamento collettivo, come se fosse andata a cercarsela. E’ già successo ad Anna Maria Scarfò a Taurianova e a una tredicenne a Melito Porto Salvo in Calabria o durante il processo per stupro ai danni di una quindicenne a Montalto di Castro nel viterbese.  Fin quando le istituzioni, come nel caso del sindaco di Pimonte, liquideranno la violenza sulle donne come una ragazzata, e gli adolescenti del nostro paese non affronteranno un percorso di educazione sentimentale condiviso tra famiglia e scuola, non possiamo che aspettarci che la storia si ripeta”.

(fonte)

185 Commenti

  1. Sindaco di Pimonte: VERGOGNATI. Senso civico inesistente, livello culturale pari a ZERO, non sei manco furbo. Figura becera, sei l’esempio di quanto sia corrotto e sottoculturato questo paese. E i ragazzini di 12 anni in prova proprio lì, dove il sindaco (con la s minuscola) rilascia queste dichiarazioni. Fa riflettere e indigna. Spero che qualcuno prenda provvedimenti seri, sia nei confronti dei giudici sia nei confronti di questo soggetto fino ad arrivare ai 12 infami in fasce, che tanto saranno irrecuperabili finché restano lì a casa da
    Mammà e Papà.

Rispondi