Processo Aemilia: se questo è un Questore

Ecco il rischio di dividere buoni e cattivi, di pensare che le mafie soprattutto al nord siano forti per la loro ferocia. Forse varrebbe la pena chiedersi (oltre ai danni causati dai boss) quanti danni possa compiere un uomo delle istituzioni disattento oppure (lo dice il giudice) “ignorante”. Al maxiprocesso Aemilia sulla ‘ndrangheta c’è stata la deposizione dell’ex questore di Reggio Emilia Gennaro Gallo. Una testimonianza al termine della quale il presidente del collegio giudicante, Francesco Maria Caruso, ha parlato di “totale ignoranza” dell’allora numero uno della polizia di Stato reggiana circa la reale portata del fenomeno criminale che e è poi emersa con l’inchiesta della magistratura. Il video è agghiacciante. Eccolo qui:

9 Risposte a “Processo Aemilia: se questo è un Questore”

  1. Chi era il Sindaco di Reggio Emilia a quel tempo??? Ebbe mai a che fare con i cutresi? Scese mai a Cutro per partecipare a processioni religiose? Si presentò mai in prefettura garantendo personalmente per imprenditori cutresi? Chi mise a capo delle gestione degli appalti pubblici di Reggio?”

  2. Questo processo finirà a tarallucci e vino? Mi auguro di no ma in Italia chissà

  3. Lo Stato a differenza delle cosche è fatto di persone che non hanno nulla in comune,compreso il progetto comune,che invece sussiste tra ladri in una banda.

  4. La verità è che lo Stato è fatto di persone,che hanno un posto di lavoro e un’ambizione carrietistica e reddituale.A costoro della lotta alla criminalità non interessa nulla

  5. Laura Caputo Enrico Bini

  6. Ignoranza?!
    Ha fatto e fa il tonto per convenienza

    1. certo che nella sua posizione “non poteva non sapere, come si dice.

    2. Ognuno si ritaglia il proprio territorio di Caccia…non dovrebbe essere cosi, ma purtroppo è la realtà. Del resto, in questo paese, chi tocca i fili muore, fisicamente o anche solo professionalmente

Lascia un commento