Eccolo qui l’esempio: il gerarca Corsaro contro Fiano

A vederlo viene voglia di non crederci:

Il deputato Massimo Corsaro, piccolo fascistello nostalgico, passato dai Berluscones ai sostenitori di Fitto (rendetevi conto, Fitto) riesce in una sola frase ad essere stupido, schifoso, antisemita e volgare. Un capolavoro che nemmeno il peggior comico riuscirebbe a condensare in una sola frase.

Fiano, da parte sua, avrebbe la colpa di essere estensore di una legge contro la propaganda fascista (legge che personalmente ritengo piuttosto pasticciata) ma soprattutto di essere ebreo e circonciso: così il gioco viene facile.

Al di là della personale solidarietà per Fiano (e tutto il disgusto per Corsaro) la vicenda è l’esempio lampante di una “moda di manganello” che piuttosto che nuove leggi avrebbe bisogno di punizioni esemplari con le leggi che già ci sono. Questo post è un reato. Chiaro. Semplice.

Ora serve solo uno Stato che abbia la capacità di punirlo.

Ecco qua.

Buon giovedì.

(continua su Left)

Rispondi