A proposito di Carminati e della sentenza

Ancora una volta sono d’accordo con Alessandro Gilioli:

1. Ha dell’incredibile, davvero incredibile, la torsione a cui in poche ore è stata sottoposta la sentenza di Roma. Ha dell’incredibile perché il fatto che la corte non abbia incluso nelle condanne l’aggravante mafiosa è stato subito trasformato nella pretesa che allora «era tutta una bufala, una fiction, una costruzione a scopi politici». Consiglierei a chi lo dice un po’ di calma e di accettazione dei dati di realtà contenuti nella stessa sentenza: «Il tribunale ha riconosciuto che nella vicenda ha operato sicuramente un’organizzazione criminale che si è attivata allo scopo di commettere una pluralità di delitti e li ha effettivamente commessi come dimostrano le contemporanee condanne per numerosi reati di scopo» (Carlo Federico Grosso, avvocato). Inoltre «la sentenza dimostra che Roma era in mano a due associazioni a delinquere che ne condizionavano la vita amministrativa» (Giovanni Fiandaca, giurista studioso di diritto penale e del fenomeno mafioso). Di questa organizzazione criminale che condizionava l’amministrazione della città facevano parte più di 40 persone tra cui manager, imprenditori, funzionari e importanti politici sia del centrodestra sia del centrosinistra romano.

2. Carminati non è un capo mafioso – lo dice la sentenza – ma adesso farlo passare da innocuo ladruncolo di polli vittima di una macchinazione (il Foglio di oggi) è agghiacciante. Stiamo parlando di un signore con le mani in tutte le vicende più oscure della Repubblica, dai depistaggi sulla strage di Bologna alla Banda della Magliana, dai servizi deviati al furto-ricatto di documenti nel caveau di Banca di Roma, rapinatore, trafficante d’armi, secondo un pentitodella Magliana esecutore materiale dell’omicidio Pecorelli, secondo altri duepentiti (dei Nar) coautore dell’omicidio di Fausto e Iaio. E molto altro.

3. La vulgata mainstream di oggi, su alcuni quotidiani, è che «senza l’aggravante mafiosa a Roma non avrebbe vinto la Raggi», insomma se si fosse saputo prima che non era “mafia” le cose nelle urne sarebbero andate diversamente. Beh, è una sciocchezza. Raggi ha vinto perché i romani avevano capito che in città sia il centrodestra sia il centrosinistra erano in buona parte complici con le associazioni a delinquere di cui sopra, cosa di cui la sentenza di ieri è solo una tra le molte conferme. Sicché per rabbia, disperazione o delusione – scegliete voi – due terzi degli elettori di questa città al secondo turno hanno votato chi complice non era, per il semplice fatto di essere politicamente nuovo e ignoto. Questo è quanto avvenuto poco più di un anno fa, se si hanno gli occhi per vedere, se si parla con le persone.

(continua qui)

14 Commenti

  1. che non si trattasse esplicitamente di quanto per la legge è considerato mafia, non toglie niente alla gravitá dei reati imputati a carminati e agli altri. e la sentenza parla chiaro. mi sembra che l’elezione della raggi a sindaco sia in quel contesto il minore dei problemi.

  2. ditelo a Giachetti ed Alemanno che sembrano in procinto di chiedere i danni per “diffamazione” della capitale alla procura…. tanto di cappello ad Orfini… sicuro gli tireranno le orecchie in tanti del PD per le sue dichiarazioni di oggi..

  3. …Questi criminali condizionavano la vita pubblica di Roma, come accade in Sicilia (mafia) , in Campania (camorra/mafia) in Puglia (sacra corona unita /mafia) , in Calabria ( ‘dramgheta / mafia ) e in anni recenti anche in molte zone del centro e del nord. Appare singolare che questi di Roma, non siano considerati mafiosi….Forse perchè non portavano le coppole?

Rispondi