A Licata perde lo Stato: cacciato il sindaco anti abusivi

La storia la racconta molto bene Gian Antonio Stella su Il Corriere della Sera:

L’«eroe per caso» della guerra agli abusivi, il giovane sindaco di Licata, ha tenuto duro per mesi. A dispetto degli insulti, delle minacce, degli attentati, del peso di doversi muovere con la scorta. Lo sapeva, però, che il suo destino era segnato. E la mozione di sfiducia è stata solo il passaggio formale. Poche settimane e la Sicilia va alle elezioni regionali. E chi ce l’ha il fegato di sfidare il Pau, cioè il Partito abusivi uniti?

È una sconfitta pesante, per l’immagine e l’onore di tutta l’isola, la demolizione politica e clientelare, in consiglio comunale, di Angelo Cambiano, il simbolo stesso del rispetto della legge sulle demolizioni dei villini costruiti all’interno della fascia vietatissima dei 150 metri dal mare. Una sconfitta per Angelino Alfano che, tirato in ballo dalle suppliche a «far sentire l’appoggio del governo», aveva sventolato il suo appoggio al primo cittadino in difficoltà davanti alla rivolta dei fuorilegge: anche gli alfaniani hanno votato per la decapitazione della giunta comunale. E una sconfitta più ancora per lo Stato, che si era illuso di riuscire finalmente a imporre, in quell’angolo di Sicilia, il rispetto della legge.

Trent’anni di condoni

Per capire la dimensione della batosta, però, va fatto un passo indietro. Ricordando come dal primo condono craxiano del 1985, seguito dai due berlusconiani del 1994 e 2003, centinaia di migliaia di abusivi siciliani, protagonisti di un furioso saccheggio delle coste (si pensi a Triscina: cinquemila villette illegali tirate su a due passi da Selinunte) scelsero di versare un piccolo acconto avviando le procedure del condono, necessarie per bloccare le inchieste e le demolizioni, per poi non occuparsene mai più. Certi che la burocrazia isolana, tra le peggiori del pianeta, avrebbe ingoiato tutto.

Cosa puntualmente avvenuta. Basti dire che la «sanatoria delle sanatorie» offerta da Totò Cuffaro ai 400 mila isolani che da anni lasciavano marcire le pratiche dei vecchi condoni, fu accolta con l’1,1% di adesioni a Palermo, lo 0,37% a Messina, lo 0,037% a Catania, lo 0,025% ad Agrigento. E l’incasso fu di 1 milione e 85 mila euro: un settecentesimo del previsto.

L’ambiente era tale che nel 2001 lo stesso vescovo agrigentino Carmelo Ferrara, alla minaccia dello Stato di buttar giù almeno le più oscene delle 607 costruzioni illegali costruite dentro il parco archeologico, rispose attaccando le «ruspe immorali», denunciando «una campagna di mistificazione contro la città» e incitando alla ribellione «contro lo stato-padrone».

I villini da abbattere

Fu questo, «il contesto» di sciasciana memoria nel quale Angelo Cambiano diventò un «eroe per caso». Era un giovane docente di matematica, non aveva fama di fanatico ambientalista e la lista civica che l’aveva eletto non era fatta di rivoluzionari. Anzi. Ma il commissario di governo uscente, con le chiavi della città, gli consegnò anche un tesoretto di 300 mila euro accantonati per cominciare a buttar giù, finalmente, almeno i villini colpiti da ordinanze inappellabili di demolizione. Cioè 216 su centinaia e centinaia. Come già i lettori sanno: tutte seconde case, quasi tutte sul mare, tutte tirate su a dispetto della legge.

In altre situazioni, forse, lo stesso Angelo Cambiano avrebbe preferito poter dire, come tanti altri sindaci, «spiacente, le ruspe costano e non abbiamo soldi». Meno grane. Meno odio. Meno rischi. I soldi in cassa, però, lui li aveva. I magistrati Renato Di Natale e Ignazio Fonzo, che già avevano dato una scossa imponendo ai comuni di prendere di petto il tema, glielo ricordarono. E lui ne prese atto. Facendo il suo dovere, cosa rara in certe realtà, nonostante la rivolta di tanti amici e amici degli amici: «Picchì giustu a ‘nattre?» Perché solo a noi? Perché le ruspe qui e non in altri comuni e contro altri abusi?

Il coraggio di un sindaco

Confronto duro. Tanto che l’associazione «Periscopio, Osservatorio permanente sui rispetto della legalità» (sic) arrivò a firmare un «esposto querelatorio» contro il prefetto, il sindaco, i dirigenti dell’urbanistica e così via accusandoli di aver «prevaricato nelle loro funzioni istituzionali nella nota e triste vicenda…». Per non dire degli appelli («Perché proprio adesso, dopo anni? Perché proprio noi se in Sicilia ci sono un milione di case abusive?») e infine delle minacce.

Ci voleva coraggio a tener duro in nome dello Stato. Angelo Cambiano lo ha avuto. Ma come reggere un «contesto» in cui decine di deputati e senatori e consiglieri regionali si vantano di essere contro le ruspe e lo stesso governatore Rosario Crocetta nega le voci di una sanatoria ma pensa alla «possibilità dell’utilizzo sociale di alcuni immobili costruiti abusivamente che potrebbero, dopo la loro acquisizione al patrimonio pubblico, essere inseriti in piani di recupero…»? Come interpretare certi messaggi quali l’ultima apertura del candidato grillino alla Regione Giancarlo Cancelleri verso gli «abusivi per necessità», storica formuletta che le vecchie volpi partitiche d’ogni colore usano da sempre per stoppare le ruspe?

L’altra «rivolta»

Non bastasse, il sindaco di Licata non è il primo a esser buttato fuori. A gennaio era già stato costretto ad andarsene Pasquale Amato, primo cittadino di Palma di Montechiaro: mezzo paese (a partire dai delinquenti che lo tempestavano di lettere minatorie) non gli perdonava di aver appoggiato una serie di demolizioni obbligate da sentenze definitive. Al posto suo, oggi, c’è Stefano Castellino che, come hanno scritto i giornali locali, si è presentato «con le idee chiare». Primo punto: basta ruspe. I soldi, dice, possono essere spesi meglio. Il tutto, si capisce, nella convinzione «che la legalità, la trasparenza e la chiarezza siano essenziali». Ma che statista…

26 Commenti

  1. Ciao Giulio Cavalli premetto che ti seguo da tempi non sospetti con molta attenzione, stima e condivisione . Ma, nel caso di specie(anche) Tu sei vittima di una clamorosa “cantonata” o quanto meno e’ #possibile che non hai verificato adeguatamaente le fonti della notizia….Tu che da Trieste a Calatafimi vai di “persona” a prendere visione per cercare di capire i i fatti…..appena ti capita fai un salto a Licata e capirai tante cose..Grazie anticipatamente per l’attenzione, con rinnovata stima..

    1. È una storia lunga. Ti allego, solo per iniziare a capire il personaggio, il msg WhatsApp che il Cambiano invia tre giorni prima del voto sulla sfiducia, ad un consigliere comunale che – pare – si candiderà alle prossime regionali.

    2. Giulio Cavalli certo che si. Poi magari se capiti dalle mie parti ne’ parliamo direttamente. Nell’attesa provo a fare “sintesi” : a) il sindaco “antibusivismo” dal 2013 al 2015 era il vice-sindaco di un sindaco(balsamo) mandato a casa “anzitempo” dalla magistratura.b) nel 2015 è stato “eletto” dalla stessa coalizione(centro-destra) che sosteneva il sindaco di cui prima….c) fra’ i punti “qualificanti”(sic!) del suo programma elettorale prometteva “condoni-edilizi” soluzioni che, come ben sai (anche) Tu che hai fatto l’Amministratore non rientrano nella sfera delle competenze del Sindaco tanto meno del Consiglio Comunale(Organo di massima Rappresentanza e di Indirizzo-Controllo) ma, bensi solo ed esclusivamente competenza del “legislatore-nazionale”(Parlamento) e/o nella fattispecie in sub-ordine per effetto dello “statuto-speciale l’ARS(assemblea regionale siciliana). c) il #PD locale che le “urne”(il voto del 2015) avevano decretato all’ opposizione fatta salva una eccezzione(unA Consigliera) NON HA VOTATO LA MOZIONE DI SFIDUCIA(forse voleva fare da apripista alla coalizione che si andra’ definire alle prossime regionali) e ti ho “detto tutto” (?!)#Possibile. Nel ragionevole dubbio ti abbraccio e a presto

  2. Sai cos’ è? Che togliere una casa è togliere una casa. Molto più facile sarebbe stato combattere contro nuovi abusi. Poi, non so in che termini voleva agire. Per es. Avrebbe dato nuovi alloggi? Se sì, mi sembra che avrebbe potuto procedere. È che bisogna sempre avere appoggi politici e leggi dalla parte giusta, altrimenti non si va da nessuna parte.

  3. Qui lo stato c’entra poco, il problema è culturale e quindi poi i difficile da sradicare . Fintanto che pensiamo che “se lo fa l’altro perché non dovrei farlo anche io ?” o “se no abbattono la sua villetta perché dovrebbero farlo con la mia?” allora non ne usciremo mai…
    Manca la cultura delle legalità , del rispetto delle regole e vige la legge della prepotenza. Lo stato siamo noi, in primis

  4. Alessandro

    Come spesso accade, in certi contesti (e con certe diffuse mentalità che giustificano l’ingiustificabile) gli atti di normalità diventano eroici.
    P.S.: per info, veramente in siciliano si direbbe “picchì giustu a nuatri?” (pronunciato più o meno: “picchìgiust’annuac(i)ri?”, senza la prima “i” in parentesi), che purtroppo conferma la “cultura” del benaltrismo di cui sopra…

Rispondi