Bivona, niente lavoro per Veronica Cutrò, la figlia dell’imprenditore che denunciò la mafia


Veronica è una venticinquenne figlia di un testimone di giustizia: suo padre, Ignazio Cutrò, ha denunciato la mafia ed è finito sotto programma di protezione insieme a tutta la sua famiglia. Eppure a Bivona il cognome Cutrò è un problema: quando Veronica ha chiesto di lavorare le è stato fatto capire che non era possibile per le denunce del padre. E che ciò di cui dovrebbe essere fiera in realtà è un ostacolo.
Continua a leggere

Rispondi