Dacci oggi il nostro fascismo quotidiano

Questo è il manifesto affisso a firma “Noi con Salvini” a Giffoni Valle Piana.

“Ha reso grande l’Italia e faceva lavorare tutti, perché nella patria non dovevano esistere parassiti”, dice.

Si chiude con un chiaro post scriptum: “L’onorevole Fiano è avvisato: accettiamo querele per l’apologia del fascismo, Guido Carpinelli già consigliere provinciale con An”.

Dice (è una notizia che ciclicamente si rimette a circolare) che il fascismo ci “ha dato le pensioni”. Ma è falso: la pensione sociale, tuttavia, è istituita solo nel 1969—ossia a 24 anni dalla morte di Mussolini e la creazione della Cassa Nazionale di previdenza per l’invalidità e la vecchiaia degli operai è del 1898.

Dice che “LUI” ha fatto una legge per gli invalidi omettendo il numero degli invalidi (e morti) che Mussolini e i suoi amichetti (soprattutto il tedesco con i baffi) ha provocato.

Insomma: al solito infila una serie di castronerie. Solo che questa volta le appendono al muro, con una chiara e deliberata modalità promozionale e elettorale.

E Salvini, intanto, promette querela a chi lo definisce canaglia razzista. In effetti che sia una canaglia, solo una canaglia, ne possiamo parlare.

Buon giovedì.

(continua su Left)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *