“Ma lei ha intenzione di fare figli?”

“Come gran parte delle donne che si dedicano alla loro vita lavorativa, non sto pre-determinando nulla di tutto ciò”.

“È davvero inaccettabile nel 2017 sostenere che le donne debbano rispondere a questa domanda sul posto di lavoro. È una decisione che spetta alla donna quando avere figli, non deve avere conseguenze sul fatto di ottenere o meno un lavoro”.

“Dovremmo essere giudicate per ciò che sappiamo fare, non per la nostra vita privata, invece tutte le donne affrontano questo pregiudizio continuamente”

In sintesi questa è la risposta che Jacinda Ardern, 37 anni e nuova leader dell’opposizione in Nuova Zelanda, ha dato ai giornalisti che le hanno chiesto se avesse intenzioni di avere figli, in previsione di una sua prossima candidatura a premier. Gliel’hanno chiesto con la stessa boria con cui tutti i giorni, in tutto il mondo, alcuni datori di lavoro chiedono a donne che cercano un’occupazione se davvero hanno intenzione di esercitare quel loro fastidioso diritto alla maternità come se fosse una discriminante socialmente accettata.

E lei, la Ardern, ha risposto con l’elegante disgusto che provano tutte le donne del mondo. Con una differenza sostanziale: lei ha potuto reagire. Poi magari ci si potrebbe occupare di costruire un mondo in cui non sia più lecito usare quel tono. No?

Buon venerdì.

(continua su Left)

Rispondi