Che stampa?

Da qualche giorno, al mattino, provo a scorrere la rassegna stampa. Tutta. Buttando l’occhio anche su quei quotidiani che difficilmente, per sensibilità, mi potrebbe capitare di leggere.

Ciò che mi colpisce di più sono le notizie false. False, completamente. Notizie che non sono una lettura, anche forzata, della realtà ma che non corrispondono al vero. Poi ovviamente ci sono i toni ma sul bullismo lessicale di una certa stampa a braccetto con una certa parte politica direi che purtroppo non c’è la novità, purtroppo.

E allora, da qualche mattina, su twitter mi ci metto a mettere in fila qualche articolo o qualche titolo come una radiografia quotidiano di ciò che si stampa.

Ecco, vi do una notizia: c’è il “popolo del web”, lì fuori dal web.

Ecco la rassegna di oggi. Se piace e se serve proviamo a ritagliarci il tempo di farlo tutti i giorni.

 


Also published on Medium.

11 Commenti

  1. Gentile Signor Cavalli, in riferimento alla frase detta dalla signora Boldrini o sono io che mento a me stesso o è lei che mente a me. Quella frase io l’ho sentita dire in TV dalla signora, posso anche aver capito male ed essere incorso in un errore che grazie a lei potrei correggere. Poteva essere un audio falso, una cosa detta su un argomento specifico da cui non sarebbe consentito estrapolare una frase, un fraintendimento, e quanto altro lei potrebbe usare come scusante, ed io comprenderei. Invece lei mi dice che non ho errato nel comprendere ma che credendo alle “bufale” sono un bufolaio anch’io. Comprenderà che con la sua dichiarazione rischia di inficiare qualunque cosa di vera e giusta possa dire?? A meno che non si assuma la responsabilità della veridicità. Se tiene alla sua credibilità cerchi prima il filmato, lo guardi, esamini, giudichi, specifichi, giustifichi o rettifichi, oppure, affrontandone i rischi, confermi decisamente la sua affermazione. Con la sua segnalazione a mezzo stampa, se errata, potrebbe avere indotto in errore un poveruomo come me. Attendo sua comunicazioni e in mancanza forse potrei chiederle conto dell’affermazione sulla falsità della notizia. Le invio i miei distinti saluti. Placido Mangano

    1. Caro Placido Mangano il problema è già praticamente risolto. Da quello che so la Boldrini ha querelato proprio su quella frase. Quindi avrà la soddisfazione totale e certificata da un giudice. Saluti. (ps: non funziona così. Se lei asserisce di averla sentita è lei che deve provarlo. Non la Boldrini (che ha già ufficialmente smentito. Strana visuale della giustizia).

    2. Grazie per il consiglio, come vede non difendo bufale, cerco solo verità, dove è possibile trovarla. Per quanto riguarda le notizie in se stesse, leggo le notizie ma non credo ai commenti. Circa 50anni fa un ragazzo parlava della verità ad una conferenza e come esempio porto i titoli dei due giornali di Messina di allora, La gazzetta del Sud e la Tribuna. Parlavano di aule scolastiche in uno vi era riportato, -cito così a cappella, capirà dopo 50anni- Consegnate xy nuove aule per quest’anno scolastico. E nell’altro, mancano ancora yx aule per le lezioni. Il luogo era una chiesa sul viale San Martino il tempo la primavera del 1969. Il ragazzo non lo ricordo, il fatto si. Buonaserata

Rispondi