Un parcheggio per i cretini leghisti. Mica solo a Pontida

Non c’è niente da ridere nel commentare le scelte del sindaco leghista di Pontida Luigi Carozzi che a corto di provocazioni ha deciso di stilare un regolamento dei parcheggi che rasenta la follia.

Dice il “regolamento comunale per la disciplina della sosta nei parcheggi riservati alle donne gestanti e alle donne puerpere” (lo trovate qui) che “possono richiedere il rilascio gratuito di idoneo permesso risultante da tessera, esclusivamente le donne appartenenti a un nucleo familiare naturale e cittadine italiane o di un paese membro dell’Unione Europea”. Niente extracomunitarie e niente lesbiche e nemmeno madri surrogate, quindi: questo è il “non detto” che sta tra le righe. Le mamme no, non sono tutte uguali.

Ma non è tutto. I leghisti pretendono anche di spiegarci cosa sia una “famiglia naturale”: nell’introduzione infatti si legge: “Pontida intende promuovere il sostegno alle famiglie naturali, formate dall’unione di un uomo e una donna a fini procreativi, nucleo fondante della società civile”. Poi, all’articolo 2, troviamo anche la definizione di “donna”: “ai fini del presente regolamento per “donna” si intende un individuo umano con sesso femminile risultante dai registri anagrafici della città di Pontida”.

E non c’è niente da ridere almeno per due motivi che saltano subito all’occhio. Primo: non si tratta solo di  una scellerata iniziativa di un singolo ma il provvedimento rientra evidentemente in una propaganda che da anni Salvini propugna con veemenza e che vede nella provocazione l’unico modo di fare politica (evidentemente incapaci di amministrare senza farsi notare e senza solleticare la pancia del Paese). E infatti lo stesso Salvini, sempre prodigo di tweet, risulta sempre “distratto” sulle aberranti provocazioni dei suoi sindaci sparsi per il nord Italia. Secondo: il richiamo ai bus riservati ai bianchi, il divieto dei matrimoni misti o le scuole separate è troppo vivo (anche per l’incultura generale di leghisti e affini) per non essere richiamato da una misura del genere.

Servirebbe, insomma, un parcheggio riservato ai leghisti e ai loro compari, con una sbarra sempre abbassata regolamentata dalla Costituzione, che li tenga separati nella loro inciviltà. Se ci sono clandestini, in Italia, sono loro.

Buon giovedì.

(continua su Left)

Rispondi