Spesso è una truffa, la competizione

C’è questa storia minore, così poco importante anche rispetto ai drammi del momento, che però merita attenzione perché porta con sé un germe che si scrolla e diventa seme e merita di essere letta, così di prima mattina, prima di tutti i bombardamenti e la propaganda che ci piovono in testa.

Il protagonista è uno chef francese, Sébastien Bras, figlio di quel Michel Bras (entrambi in foto, ndr) che ha sbancato negli ultimi anni tra la guida Michelin, libro di culto nel mondo della competizione culinaria. Sébastien Bras ha scritto al comitato esecutivo della guida Michelin per chiedere di essere escluso dall’edizione del 2018, per “tagliarsi fuori dalla competizione” come direbbero i felini briatorini e farinettiani dalle nostre parti:

«Oggi voglio offrire il meglio di me, con la leggerezza di sentirmi libero, senza chiedermi se le mie creazioni soddisfino gli ispettori Michelin o no», ha detto Bras in una lunga intervista a Le Monde, perché «mia moglie ed io vogliamo essere liberi per poter creare senza tensioni, far vivere la nostra Maison con una cucina, un’accoglienza e un servizio che sono l’espressione del nostro spirito e del nostro territorio. A quarantasei anni voglio dare un nuovo senso alla mia vita: professionale, sì, ma anche alla mia vita in generale e di ridefinire i valori essenziali».

Ora, per carità, non che io pensi che questa sia una lezione di vita da archiviare tra i memorabilia di questo secolo, ma l’intervista dello chef Bras mi ha riportato alla frase di un caro amico che da anni mi spiega del “capitalismo morale” che attraversa molto più del lavoro: siamo arrivati al punti, dice lui, per cui ci stremiamo per essere all’altezza e poi ci dimentichiamo esattamente all’altezza di cosa. Che è un po’ quello che dice Bras, che più che dal lavoro di cucina sembra essere schiacciato piuttosto dall’obbligo di “primeggiare in una competizione” che col tempo poi (stando a quel che ci dice lui) ha scentrato il punto.

E succede a noi tutti. Spesso, spessissimo. Così terribilmente affaccendati nella preoccupazione di affaccendarci, così ammaestrati all’esibire la voglia dell’esser primi in tutto, così mitragliati da chi ci dice che “la competizione” è il succo, che alla fine abbiamo distolto l’attenzione da altro che avremmo dovuto tenere d’occhio. Né leggeri né liberi.

Buon venerdì.

(continua su Left)

Rispondi