Tutte le taglie del senso della misura

C’è quella che non può permettersi di ritenersi stuprata perché non ha urlato e graffiato e quindi non è stupro. C’è quello che ci insegna che la molestia non vale nel caso in cui se ne ottenga un vantaggio, anche se il vantaggio è lavorare. Poi c’è chi scrive che gli uomini sono tutti così e qualcuno gli risponde che sono le donne a essere tutte un po’ così.

Ma non solo: c’è chi dice che un segretario di partito forse dovrebbe avvisare i compagni di partito prima di silurare il governatore di Bankitalia come un Letta qualsiasi e subito rispondono che che ognuno è libero di essere arrogante, se eletto dal popolo. E quell’altro si difende dicendo che anche Prodi ha fatto così.

C’è chi dice che manca il lavoro e qualcuno puntualizza che mancano i lavoratori perché i giovani italiani sono scansafatiche. Poi subentra un terzo che dice di non volere i negri perché non vogliono lavorare. Poi un quarto ricorda che per lavorare bisogna essere disposti a tutto, anche alle molestie.

E, se ci pensate, ricomincia il giro.

Avevano un bel dire i nostri nonni nel raccomandarci di avere “il senso della misura” quando, oggi, ciascuno rivendica una misura tutta sua. Una misura che, si badi bene, non dipende dalla diversità delle sensibilità, dei valori o delle visuali politiche: oggi essere fuori misura è la scorciatoia più rapida per evitare di dovere affrontare la complessità. E così, pur di apparire comprensibili per sfamare la voglia di apparire, tutto il confronto è un bianco o nero senza nessun tono di grigio. E, se ci pensate bene, non è nemmeno un dibattito ma è uno sforzo di posizionarsi il più velocemente possibile (e nel modo più “gustoso” per l’opinione pubblica) all’estremo opposto dell’avversario di turno.

Così tutto è agone, rodeo ma finto. Un Colosseo ma vuoto: tutto il pubblico ascolta i due matti che raccontano come si sarebbero sfidati attorcigliandosi nelle iperboli. E sul campo non si sfida più nessuno. E per il pubblico riconoscere da che parte sta la propria squadra non è mai stato così facile. Senza nemmeno la fatica di articolare un pensiero.

Buon venerdì.

(continua su Left)

Rispondi