Molestie, ricatti e violenze sul posto di lavoro: nove donne su cento

Tanto per provare ad allargare il campo e capirne di più vale la pena leggere Paolo Baroni su La Stampa:

 

«Ma mica le molestie ci sono solo nel mondo del cinema. Adesso va di moda questa narrazione, ma la questione non si ferma certo solo ad attrici e registi», avvisa Loredana Taddei responsabile delle politiche di genere della Cgil. Basta infatti alzare il velo sul mondo del lavoro per scoprire una realtà, purtroppo quotidiana, che presenta cifre impressionanti e che è fatta di avance, ammiccamenti, battute, ricatti e violenze, che nei casi estremi posso arrivare finanche allo stupro.

 

Gli ultimi dati li ha forniti a fine settembre in Parlamento il presidente dell’Istat Giorgio Alleva spiegando che 9 donne su 100 nel corso della loro vita lavorativa sono state oggetto di molestie o di ricatti a sfondo sessuale. Parliamo di qualcosa come 1 milione e 403 mila casi. Dalla carezza non gradita alla pacca sul sedere, dal bacio rubato sino alla richiesta esplicita di prestazioni sessuali per avere un lavoro, per mantenere il posto o magari per fare carriera. Poi ci sono gli stupri, consumati o anche solo tentati (84% dei casi): 76 mila in tutto sempre considerando l’intero arco lavorativo delle donne.

 

Chi sono le vittime  

Molestie e ricatti sono sostanzialmente trasversali, ma riguardano innanzitutto le donne di età compresa fra i 25 ed i 44 anni, diplomate o laureate, residenti al Nord, nei grandi centri, occupate nel settore dei servizi (trasporti e comunicazioni) e nel settore pubblico. «I ricatti sessuali si verificano nei momenti in cui le donne si trovano più in difficoltà e nascono da una situazione asimmetrica: la donna ricerca lavoro dopo averlo perso, lo cerca al Sud dove è difficile trovarlo, si mette in proprio, vuole fare carriera e la sua carriera dipende dal giudizio o dall’azione di qualche superiore», segnalava tempo addietro Linda Laura Sabbadini che dai tempi dell’Istat segue questi temi. «In molti casi non c’è nemmeno bisogno di esplicitare il ricatto, la donna lo percepisce subito, lo capisce dagli atteggiamenti dei superiori – spiega Taddei -. Quello delle molestie purtroppo è un fenomeno che c’è da sempre e che per questo è considerato normale, tant’è che nella maggioranza dei casi non lo si denuncia nemmeno, perché ci si vergogna o perché si teme di venir ridicolizzati dai colleghi». E in effetti, segnalava Alleva, «solo una donna su 5 racconta la propria esperienza». E, soprattutto, «quasi nessuna ha denunciato il fatto alle forze dell’ordine», lo fa appena lo 0,5%. Per il resto gli esiti finali sono altrettanto sorprendenti: l’11% viene infatti licenziata, il 34% cambia volontariamente lavoro o rinuncia a far carriera, un altro 1,3% è stata trasferita di ufficio. Poi c’è un 4,7% che continua a lavorare ed un 1,4% che cede alle richieste.

 

Norme inadeguate?  

«Certamente, soprattutto in tempi di crisi, pesa molto la sudditanza psicologica della donna, che nel campo del lavoro ha sempre poche opportunità» segnala la presidente della Commissione d’inchiesta parlamentare sul femminicidio Francesca Puglisi (Pd). In Italia occorre rafforzare l’apparato legislativo, come segnala anche l’Ocse in un suo recente rapporto? «Con la legge del 2013 sulla violenza di genere abbiamo fatto molti passi avanti – risponde – ma è vero che sul fronte delle molestie sui posti di lavoro siamo meno attrezzati. Per questo abbiano deciso di ampliare il nostro raggio d’azione e già la prossima settimana ascolteremo Cgil, Cisl e Uil». «La questione delle norme merita una analisi approfondita – risponde a sua volta la Taddei -. Però, in quanto a regole, voglio ricordare che in Italia solo nel 2016 siamo riusciti a recepire l’accordo quadro europeo sulle molestie. Confindustria ha fatto resistenza e ci abbiamo messo 9 anni».

 

 


Also published on Medium.

18 Risposte a “Molestie, ricatti e violenze sul posto di lavoro: nove donne su cento”

  1. Il problema è soprattutto culturale, e poi chi dovrebbe far rispettare le norme in merito? Gli uomini? Aspettate che mi sbellico dalle risate. Non siamo una minaccia, siamo quelle idiote che vi mettono al mondo, tanto per capirci.

  2. Se cambierà qualcosa dovremmo solo dire grazie al coraggio di queste donne.

  3. Sempre attento. Grazie.

  4. Anche a me è accaduto due volte, da parte di un professore la prima volta e di un medico la seconda.

  5. A me è capitato ben due volte nella vita. Purtroppo gli uomini che molestano pensando di non fare nulla di grave sono molti di più di quanto pensiamo. Si tratta di una gravissima carenza culturale, purtroppo avallata dalle donne, madri di figli maschi, per prime.

  6. Finché le donne in parlamento pensano solo a come fare tagli su tagli nell’educazione sanità etc…. le donne hanno la capacita di prendersi ciò che vogliono percio dovrebbero (dovremmo) scendere in piazza ad oltranza. Ma la società sarebbe pronta? Madri, figlie, sorelle, di questi uomini che appoggiano questa visione arcaica del ruolo uomo-donna, sono loro che mi fanno più paura

  7. 9 su 100? anche di piu’, anche di piu’….

  8. Mi sembrano pochine. Siete sicuri?

  9. Io credo che siano molte di più di 9 su 100.

  10. ci vorrebbe anche una normativa seria sul mobbing, perchè alle avance e molestie si dice di no, poi il prezzo da pagare è altissimo

  11. Apprezzo molto il tuo lavoro Giulio Cavalli

  12. Lo schifo di commenti che ho letto su questo argomento non ha limite. Finalmente un articolo ricco di dati.
    Dobbiamo semplicemente accettare il fatto che gli uomini che si approcciano alle donne come degli animali sono più di quello che ci aspettavamo. E ora gli uomini gentili mi piacciono ancora di più.

    1. E niente denunce?
      Non capisco.

    2. Cosa non capisce esattamente Luigi? Che una persona in una posizione di inferiorità di potere non denunci? Che magari ha bisogno di lavorare, che poi potrebbe essere allontanata, che potrebbe non ritrovare lavoro facilmente o semplicemente che vuole conservare un lavoro per cui ha lottato tanto? Vuole che le spieghi come ti guardano certi uomini e anche donne quando denunci una molestia (che sarà mai, che esagerata, prima ci sta e poi…). Ha bisogno davvero che le venga spiegato tutto ciò?

    3. «L’11% viene infatti licenziata, il 34% cambia volontariamente lavoro o rinuncia a far carriera, un altro 1,3% è stata trasferita di ufficio. Poi c’è un 4,7% che continua a lavorare ed un 1,4% che cede alle richieste».
      Se magari avessi letto l’articolo invece che parlare per sentito dire magari lo avresti capito da solo.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.