Il “pizzino” di Neri Parenti alle donne che hanno intenzione di denunciare le molestie

Dunque. Le Iene mandano in onda un servizio in cui dieci ragazze accusano (con tanto di racconto e particolari) il regista Fausto Brizzi di averle molestate in provini che poco hanno a che vedere con il potenziale talento recitativo di ognuna di loro.

Nella giornata di ieri comincia a eruttare una lava di giudizi più o meno sconsiderati da persone più o meno considerevoli. Non mi interessa ora qui analizzarli tutti (ne avremo il tempo, Brizzi è solo il primo nome di una lunga serie) ma vale la pena riprenderne uno, uno solo, che è un paradigma.

A parlare è Neri Parenti, intervistato da Radio Capital. Leggete bene:

“Com’è possibile che 10 persone accusino un regista in maniera anonima?” “Io questo sinceramente non me lo spiego”. E poi:“Anche sul discorso di cercare la notorietà in realtà se tu fai un’intervista a volto coperto la notorietà non ce l’hai e poi questo per la tua carriera professionale non è un aiuto. Io una di quelle signorine non la prenderò mai per i miei film”.

Primo: le donne che denunciano non sono donne. Non si riesce nemmeno a nominarle come “presunte vittime” (perché se Brizzi è “presunto molestatore” non si capisce perché chi denuncia dovrebbe essere “signorina”). La fallocrazia (non solo cinematografica, in questo Paese, ma che sta un po’ dappertutto) è bene condensata nel “signorine”.

Secondo: dispiace per il patetico tentativo banalizzante di Neri Parenti ma le denunce contro Brizzi non sono “anonime” come si sforza di raccontare. Tra le ragazze (comunque facilmente rintracciabili nel caso di un’azione penale dello stesso Brizzi) ci sono la modella Alessandra Giulia Bassi e l’ex miss Italia Clarissa Marchese che hanno raccontato la propria esperienza con nome, cognome e faccia. Gli devono essere sfuggite, povero Neri Parenti: del resto le distrazioni pro domo sua sono una costante tra i furbi di questo Paese.

E infine: “Io una di quelle signorine non la prenderò mai per i miei film” è il manifesto dell’ipocrisia e del corporativismo di quel mondo. Non si capisce esattamente quali siano i motivi che spingano il re dei cinepanettoni a giudicare queste donne inabili al percorso cinematografico (forse la mancata riservatezza sulle palpatine subite?) ma racconta perfettamente perché le donne hanno paura di raccontare e denunciare. Neri Parenti non poteva pensare a una frase più chiara per mandare l’avvertimento del “chi parla pagherà”. Una frase che è come una testa di cavallo lasciata fuori dalla porta. Una cosa così.

Bravo, Neri Parenti. Bravo. Complimenti. Bis.

Buon martedì.

(continua su Left)

Rispondi