La chiamano legittima difesa. E invece è far west

Capiamoci. Se ieri vi è capitato di leggere le dichiarazioni di Calderoli (sì, sempre lui, sempre lui) che ha dichiarato «io tra chi difende la propria casa e la propria famiglia e chi invece la aggredisce, sto sempre dalla parte del primo mai del secondo» a proposito della condanna a Walter Onichini, che a Legnaro, Padova, il 22 luglio del 2013 “si difese” (come dice la retorica leghista) da un tentativo di furto a opera di Nelson Ndreaca, venticinquenne albanese.

Capiamoci perché se è vero che Nelson Ndreaca si è introdotto nella proprietà privata i fatti ci dicono che Onichini gli ha sparato, da ferito lo ha caricato nella propria auto, lo ha trasportato a circa un chilometro di distanza sperando così di non farsi rintracciare e l’ha abbandonato sul ciglio della strada fino al mattino dopo quando per caso l’ha trovato un passante.

Uno insomma è un ladro (fallimentare, visti i risultati) mentre l’altro è un pistolero che abbandona corpi feriti cercando di nascondere le tracce, talmente spaventato da avere la freddezza di caricare il ladro sanguinante, cercare un luogo nascosto, scaricare il tutto e tornare a difendere “la propria famiglia” (sempre secondo la retorica leghista).

Ecco, tra i due io per strada forse preferirei incontrare lo scassinatore d’auto, sinceramente. Ma quello è albanese, questo è veneto e, secondo alcuni, dovrei sentirmi ragionevolmente vicino all’italico per similitudini di nascita.

«Ti rubano in casa e ti fanno pagare i danni?», dicono i sostenitori di Onichini. Che vergogna, davvero: non siamo nemmeno liberi di occultare feriti a casa nostra. Pensa te.

Buon martedì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2017/12/19/la-chiamano-legittima-difesa-e-invece-e-far-west/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.