Applaudono la campionessa di scacchi e intanto vendono bombe

L’ipocrisia è un ingrediente che va cotto con calma, servito con una certa impudenza e dissimulato con abilità: solo così ci si può permettere di dare una notizia con la leggerezza di un banale discorso da bar e fingere che “tutto va ben”.

L’ipocrisia oggi sta tutta nelle paginate di lodi sperticate riservate alla campionessa di scacchi Anna Muzychuk che ha deciso di non partecipare ai mondiali in Arabia Saudita per, come ha spiegato lei stessa, “non giocare secondo le regole altrui, non indossare un velo, non essere scortata in giro e non sentirmi una sottospecie umana”.

Via con gli elogi. Tutti a sottolineare come ci voglia coraggio per rinunciare ai titoli mondiali (due, nel caso della Muzychuk) per difendere i propri principi, tutti a sottolineare la grandezza di chi non legittima Paesi così poco democratici, tutti a insegnarci come lo sport ancora una volta sia un esempio altissimo.

Peccato che i sauditi dell’Arabia Saudita siano gli stessi a cui il governo italiano (Gentiloni e Pinotti in testa) hanno venduto ventimila bombe (e altro materiale bellico) che hanno provocato in Yemen almeno diecimila morti tra i civili. Peccato che il governo italiano sia lo stesso che in Europa ha votato una Risoluzione del Parlamento Europeo per “avviare un’iniziativa finalizzata all’imposizione da parte dell’UE di un embargo sulle armi nei confronti dell’Arabia Saudita”, in considerazione delle gravi accuse di violazione del diritto umanitario internazionale perpetrate dall’Arabia Saudita nello Yemen e poi è diventato il suo primo spacciatore bellico. Peccato che i sauditi che oggi su tutte le pagine figurano come “cattivi” siano gli stessi con cui alti esponenti del nostro governo si sono fatti fotografare con pose sorridenti.

Peccato, soprattutto, che i giornalisti di casa nostra si dimentichino questo piccolo particolare mentre raccontano la favola della campionessa di scacchi. Già. Peccato.

Buon venerdì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2017/12/29/applaudono-la-campionessa-di-scacchi-e-intanto-vendono-bombe/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.