Così la Lega di Salvini cerca voti al sud

Giuseppe Pipitone scrive un articolo che spiega nel dettaglio l’indagine che vede coinvolti esponenti leghisti in Sicilia ed è un desolante siparietto:

Il fratello conosciuto, quello con i voti, non si poteva candidare a causa di una condanna passata in giudicato. Il suo partito, però, quel bottino di preferenze non voleva perderlo. Un bel problema se fai il leader della Lega e sei chiamato a dimostrare per la prima volta che anche il più nordico dei movimenti può prendere voti in Sicilia. Come fare, dunque, per superare quell’ostacolo insormontabile? Con un trucco degno di Luigi Pirandello: lo scambio di persona. Candidi l’altro fratello, quello sconosciuto e senza voti ma con lo stesso cognome del politico. Lo tieni nascosto, stampi volantini senza foto e senza nome di battesimo e in giro a fare campagna elettorale va quell’altro, quello che i voti li ha. E alla fine li prende, seppur con l’inganno.

Il trucco alla Pirandello e i leader della Lega – C’è una storia paradossale al centro dell’inchiesta per voto di scambio della procura di Termini Imerese. Una vicenda che sembra scritta proprio dall’autore di Uno, nessuno e centomila e che ha portato i pm a contestare ad alcuni indacati anche l’ipotesi dell’attentato ai diritti politici del cittadino. Nella carte dell’indagine gli inquirenti parlano di “una campagna elettorale fatta di menzogne, inganni e promesse di utilità di diverso tipo che ha fortemente alternato il gioco politico”. Ai domiciliari sono finiti i fratelli Salvino e Mario Caputo. Il primo è un ex consigliere regionale del Pdl, noto per essere stato il primo politico decaduto a causa delle legge Severino a causa di una condanna in via definitiva a un anno e cinque mesi per tentato abuso d’ufficio. Da sindaco di Monreale, infatti, aveva cercato di far cancellare alcune multe al vescovo della zona. Poi fulminato dal verbo di Alberto da Giussano, Salvino Caputo è diventato coordinatore in provincia di Palermo del movimento Noi con Salvini, cioè la costola siciliana della Lega, che alle ultime elezioni regionali ha candidato – senza eleggerlo – suo fratello Mario. L’inchiesta siciliana, dunque, è una bella tegola per il partito di Matteo Salvini, fresco di espansione al sud del suo partito. Soprattutto perché coinvolge direttamente anche i due luogotenenti isolani dell’aspirante premier: Alessandro Pagano e Angelo Attaguile. Entrambi ex deputati del Pdl, hanno poi aderito al Carroccio che li ha ricandidati alle politiche con alterne fortune: Pagano è stato rieletto a Montecitorio, Attaguile, invece, è rimasto fuori. Oggi sono entrambi indagati a piede libero. Il gip li definisce “istigatori nei confronti dei quali si procede separatamente”.

Le intercettazioni: “Non possiamo perdere 7mila voti” – A inguaiarli, come spesso accade, è il telefono. Non il loro, però, visto che sono parlamentari. A essere intercettato è invece il cellulare di Salvino Caputo, che nel settembre del 2017 sta preparando la sua ricandidatura all’Assemblea regionale siciliana. C’è un problema, però: quella condanna definitiva. E soprattutto il fatto che si è visto rigettare l’istanza di riabilitazione. Per questo motivo chiama Pagano. È il 29 settembre del 2017, la vigilia delle elezioni in cui la Lega avrebbe eletto il suo primo consigliere in Sicilia e il deputato del Carroccio non vuole perdere i voti di Caputo.  “Senti tu mi devi fare una cortesia. Noi non possiamo perdere settemila voti, seimila voti, non meno di questo, e buttarli al macero. Se oggi salta questo, noi perdiamo in termini di credibilità. Non esiste: scusami lo abbiamo costruito in sei mesi e ora sul traguardo…Male che va tu candidi tuo figlio“, suggerisce Pagano a Caputo per poi spiegare meglio la sua strategia. “Io so già la soluzione qual è: Caputo senza fotografie, e Gianluca – come si chiama tuo figlio – detto Salvino. Punto e basta. Funziona così”. In pratica basta che Caputo candidi suo figlio, faccia stampare manifesti senza fotografie e il gioco è fatto.

“Candida tuo figlio col tuo nome” – Un escamotage che sarebbe stato benedetto anche da Attaguile. “Io ho parlato con Alessandro – dice al telefono il coordinatore della Lega in Sicilia orientale – La soluzione che ha posto lui è ottima. Candidare tuo figlio mettendoci il nome Salvino”. Alla fine, in realtà Caputo candiderà il fratello Mario, inserito in lista con una postilla: sostiene di essere conosciuto anche con l’appellativo di Salvino, cioè quello che in realtà è il nome del fratello. “Tieni conto che molti sapranno che sono io il candidato, perché non è che tutti sono raggiungibili o tutti sanno che io non mi candido: si gioca sull’equivoco”, dice il politico incandidabile in un’altra intercettazione. “All’esterno chi non lo sa? Lì c’è scritto Caputo. Non è che c’è la foto. La gente fuori non lo deve sapere. Non glielo dobbiamo spiegare”, dicono invece alcuni dei suoi portatori di voti. In pratica gli elettori andranno a votare Mario Caputo convinti di sostenere invece il fratello Salvino. Il quale a sua volta avrà mantenuto in famiglia il seggio a Palazzo dei Normanni.

Il candidato che non doveva incontrare gli elettori – E in effetti il trucco funziona. “In numerosi comuni della provincia di Palermo – dicono i pm  – Salvatore Caputo si presentava al corpo elettorale come se fosse lui e non il meno conosciuto fratello Mario, il reale candidato. Pertanto lo scorso 5 novembre gli elettori si sarebbero recati alle urne convinti di avere espresso la propria preferenza per Salvatore Caputo”. Il segreto è tenere quanto più possibile nascosto Mario Caputo, il vero candidato. Come quando a Termini Imerese è fissato un grosso incontro elettorale con più di 200 persone. “Alla domanda del fratello se occorresse la sua presenza- annotano gli investigatori – Caputo rispondeva che non era necessario”. Il candidato non doveva incontrare i suoi elettori, che altrimenti avrebbero potuto capire tutto. “Detto Salvino è un modo per non perdere voti. Ci sono nei paesi persone che non sanno che non sono io il candidato, sono convinti che sono io. E quindi vanno a scrivere Salvino Caputo, che faccio ci perdo voti?”, dice ancora al telefono l’ex consigliere regionale. “Giocando sull’equivoco scaturito dal cognome Caputo e dall’appellativo Salvino, sul fatto che nei piccoli centri la gente fosse poco informatae fosse dotata di minori strumenti, gli odierni indagati hanno posto in essere condotte fortemente censurabili non solo dal punto di vista etico, ma anche dal punto di vista penale avendo, avendo tratto d’inganno i cittadini chiamati ad esercitare i propri diritti politici”, spiegano gli inquirenti. Tutto questo, però, non è bastato per conquistare uno scranno a Palazzo dei Normanni: a Mario Caputo detto Salvino, infatti, andarono meno di 2.500 voti. Troppo pochi per essere eletti. Abbastanza, invece, per reclutare nuove seguaci della Lega in Sicilia.  ““L’unica strada – diceva un sostenitore di Caputo –  è Salvino, Salvini a livello nazionale e Salvino a regionale”. E poco c’è mancato che dopo aver candidato il fratello utilizzando il suo nome, Caputo non lanciasse un nuovo partito: Noi con Salvino.

(fonte)

Una risposta a “Così la Lega di Salvini cerca voti al sud”

  1. Caro Sig Giulio Cavalli, ho letto attentamente l’articolo: Così Salvini cerca voti al sud. Le faccio notare, è colpa di Salvini? Le ricordo che il voto di scambio al sud è quel male incurabile che esiste da tantissimi anni ed è la causa per cui il sud non riesce a far emergere .le eccellenze in tutti i campi. Tu mi voti, mi procuri voti, ed io trovo un lavoro per tuo figlio, tua moglie. Tutto questo è colpa di Salvini? Anche io sono meridionale, fiera di esserlo, so che il sud è pieno di storia ,di arte e di artisti, di giovani validi, ma per trovare un lavoro devi essere raccomandato. Ecco, i giovani, sono loro che si devono ribellare e cambiare questo loro modo di vita, e chissà, magari Salvini, persona onesta, tenace, politico affidabile, potrebbe fare in modo che il sud si sviluppi creando lavoro e non reddito di cittadinanza.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.