A chi interessa il conflitto d’interessi

Ma davvero, a chi interessa il conflitto d’interessi oggigiorno? A pochi, pochissimi, sembrerebbe. E sapete perché? Perché in Italia c’è un conflitto d’interessi di fondo che ha un nome e cognome (Silvio Berlusconi) eppure a lui hanno dovuto fare riferimento negli anni praticamente tutti gli uomini del centrodestra, un bel pezzo di centrosinistra che con Silvio Berlusconi ha allegramente duettato nel corso degli anni (sempre, ben inteso, in nome di una “responsabilità istituzionale” che è la giustificazione che dovrebbe perdonare tutto) e perché gran parte della stampa (carta, televisione, internet, radio) ci ha fatto credere che non esista nessun conflitto d’interessi da risolvere – ovviamente quei media sono tutti di Silvio Berlusconi.

Così basta che Di Maio dica una cosa semplice come il pane (ovvero che Berlusconi da sempre usa i suoi media come manganelli contro l’avversario politico di turno) perché in Italia improvvisamente si scateni l’inferno: «Parole da esproprio proletario» ha strepitato Silvio Berlusconi dalla sua reggia, con il solito vecchio trucco di paventare lo spettro del comunismo come prima difesa.

Eppure una seria legge sul conflitto di interessi, se ci pensate, sarebbe una bellissima notizia per il governo che verrà (se verrà): una di quelle che bene o male darebbe la sensazione che qualcosa stia cambiando davvero e, soprattutto, eviterebbe all’Italia la figuraccia internazionale di avere da decenni un serio problema di informazione e democrazia che si insiste nel normalizzare piuttosto che risolvere.

Buon venerdì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/04/27/a-chi-interessa-il-conflitto-dinteressi/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento