Lea Garofalo, rifiutato il risarcimento. La sorella: «Lei ha pagato con la vita, io con la dignità»

A Marisa Garofalo, sorella di Lea uccisa dall’ex marito, è stato negato il risarcimento come famigliare di vittima di mafia perché “non risulta essere del tutto estranea ad ambienti e rapporti delinquenziali”. Lei dice: “mia sorella ha pagato con la vita, io con la mia dignità”.
Continua a leggere

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.