Weinstein, il lupo cattivo e l’avvento del reale

Per evidenti motivi personali ho vissuto e vivo la vicenda del movimento #Metoo molto da vicino. Vicinissimo, direi, visto che per mesi ho raccolto la merda in giro per casa, convivendo con gli schizzi al mattino, al pomeriggio e la sera. Ho potuto assaggiare le reazioni (quelle buone e quelle cattive) con tutta l’amplificazione con cui sono arrivate addosso alle protagoniste, insieme alle reazioni scomposte di predatori parecchio preoccupati, alle inattese vicinanze di donne e uomini che hanno colto la fatica e il dolore e alle promesse più o meno disinteressate di certa politica.

Per tutto questo l’arresto di Weinstein oggi so quanto sia una liberazione. Per Asia, ovviamente, ma anche per Miriana, per Ambra e per tutte quelle che il nome non hanno nemmeno potuto dirlo, fragili come sono in una carriera che probabilmente non inizierà nemmeno, confuse come sono in mezzo agli aiuti promessi che poi non si sono realizzati, spaventate da una fallocrazia che se le è ingoiate con ferocia.

Weinstein di fronte alla polizia è l’avvento della realtà: i racconti escono dal gossip o dalle pagine unte di certa stampa e entrano nelle stanze della legge, dello Stato. So che sembra incredibile ma è rassicurante essere verificate dalle indagini quando per mesi si è state masticate da (pessimi) editorialisti.

Ed è il passo che, vedrete, arriverà anche qui. Ed è significativo come certi dolori possano essere rassicurati dalla giustizia, quella stessa che i predoni sventolano per zittire le vittime e di cui invece hanno una paura fottuta.

È un giorno buono. Sì.

 


Also published on Medium.

5 Risposte a “Weinstein, il lupo cattivo e l’avvento del reale”

  1. Però ti hanno fatto terra bruciata intorno, non ti hanno più invitato in TV come opinionista ecc. Questo la dice lunga sull omertà di questi ambienti, spero di rivederti presto in TV, perché sei brava e onesta, e re lo meriti

    1. TUTTE CAZZATE FIN ORA ANDAVA TUTTO BENE PER TUTTI E TUTE ORA VI ATTACCATE AI SOLDI. QUESTA È STATA SCOPATA QUI QUELLA LI TUTTE E TUTTI ORA CHE HANNO UN PICCOLONOME ROMPONO IL CAZZO.
      MA FATEMI IL PIACERE SCIAQQUINE DEL CAZZO PRIMA VI FATE SCOPARE POI CHIEDETE SOLDI.

      1. Giulio Cavalli dice: Rispondi

        Sei un piccolo coglione. Però vedo che ti diverti a sentirti mascolino qui. Quindi ti lasciamo masturbare volentieri, così magari guarisci. Buona triste giornata.

  2. Grazie.. io sto male tutti i giorni per la violenza verbale di molti e per l’ indifferenza di tante!! Bisogna non smettere mai di parlarne e di difendere chi si espone per tutte..

  3. Sarà, ma la sensazione terribile è che se negli USA le denunce e le mobilitazioni hanno scosso e avviato il cambiamento, qui da noi siamo sempre lì, fermi, nelle paludi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.