L’opposizione non si fa “augurandosi” che gli altri non governino (o falliscano)

Piccola premessa, nel caso in cui ci sia bisogno di ribadire: non mi piace questo governo, non mi piace il salvinismo al ministero degli Interni e non mi piacciono per niente i balletti ipocriti che hanno portato alla formazione di questo governo. Ma non è questo di cui voglio parlare, no.

Mi interessano molto di più le parole di Cottarelli (che con garbo è entrato in scena quando è stato chiamato dal presidente della Repubblica e con identico garbo è uscito di scena, chapeau) che ieri rimettendo il suo mandato ha dichiarato: «La formazione di un governo politico è di gran lunga la migliore soluzione per il Paese». E ha completamente ragione. Circolava in questi giorni (dalle parti di quella che sarà l’opposizione) la malsana idea che ostacolare la formazione di un governo che ha la maggioranza parlamentare fosse un buon modo per adempiere al proprio ruolo. Ed è, come direbbe Fantozzi, una cagata pazzesca. 

Se per anni si è insistito nel ripetere che l’Italia è una democrazia parlamentare (e ai tempi, vale la pena ricordarlo, lo si ripeteva per legittimare lo sciagurato patto del Nazareno con Silvio Berlusconi) ora non si può fare una giravolta e smentirsi. Se un governo non piace ci si oppone sottolineandone gli errori, le incongruenze, proponendo soluzioni alternative e impedendo che possano fare leggi sbagliate (per questo lascia piuttosto perplessi la dichiarazione di Ettore Rosato del Pd che dice «verificare se almeno le promesse le manterranno»: un p0′ deboluccia come promessa di opposizione).

Non funziona gustarsi i pop corn augurandosi che questi si sfascino sfasciando il Paese. Non funziona nemmeno nemmeno investire un’istituzione come il presidente della Repubblica a leader di un partito per non prendersi la briga di trovare un leader. Non funziona nemmeno imitare l’opposizione che ti hanno fatto quegli altri che ora governano sperano di sostituirli. Non funziona nemmeno fingersi morti per novanta giorni. Non funziona nemmeno mettersi tutti insieme perché si è rimasti in pochi.

Fate qualcosa di sinistra, si diceva una volta. Ecco: fate qualcosa sarebbe già qualcosa. Qualcosa in più di aspettare (e sperare ad alta voce) che quelli si schiantino.

Buon venerdì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/06/01/lopposizione-non-si-fa-augurandosi-che-gli-altri-non-governino-o-falliscano/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.