Cari esasperati, qualche consiglio per esasperarsi davvero

Sta bene su tutto, come il cacio sui maccheroni, come il “non sono razzista ma” o come il “e allora il Pd?”: gli esasperati sono una nuova forma autoctona organizzata che si arroga il diritto di compiere reati di diversa gravità (che siano verbali, fisici e comunque sempre intrisi d’odio) parandosi dietro a una voglia rivoluzionaria di giustizia e di libertà. Giustificati dalle ingiustizie. Dicono così.

Sono esasperati gli italiani che non perdono occasione per prendersela con i neri: hanno il diritto di essere spaventosi (dicono loro) perché sono terribilmente spaventati. Non è colpa loro se non ce la fanno più (dicono loro) e quindi hanno il diritto di trasformarsi da presunte vittime a sicuri carnefici. “Non credi che se gli italiani improvvisamente sono diventati razzisti la colpa è di questi stranieri che delinquono?” mi chiedeva ieri un astuto commentatore con la bandierina italiana accanto al nome e un filotto di simboli fascisti. No. Non credo.

Però questa mattina potrei sforzarmi di seguirvi nel vostro ragionamento contorto. Anzi, posso fare di più e porvi qualche domanda. Cari esasperati, quanta esasperazione vi deve esasperare per accogliere a uova in faccia i malavitosi di qualche clan di una a caso delle mafie italiane che vengono a chiedervi il pizzo? Cari esasperati, non vi esasperano abbastanza i vostri connazionali primi al mondo per turismo sessuale sui minori, quei pedofili estivi che poi vi raccontano al ritorno le loro avventure sessuali con bambine dell’età di vostra figlia? Cari esasperati, quando pensate di esasperarvi quel che basta per organizzare le ronde contro i corruttori e i corrotti che tirano i fili accomodati su poltrone da classe dirigente delle vostre università, dei vostri ospedali, dei vostri lavori pubblici, dei servizi che non funzionano per sfamare i corrotti, dei ponti che crollano o delle gallerie che non si tengono in piedi per il lucro sui materiali?

Cari esasperati, ci fate un fischio quando vi esasperate contro il vostro amico che evade le tasse ma offre sempre almeno un giro di aperitivi? Cari esasperati, quanto fastidio vi procurerebbe sapere che qualcuno ci deve restituire 49 milioni di euro e invece si gode la bella vita con i vostri soldi (per i difensori ad oltranza di Salvini: Umberto Bossi, senatore candidato dal segretario Salvini e eletto e pagato con i vostri soldi)? Cari esasperati, davvero vi esaspera di più il piccolo spacciatore nero sotto casa vostra della lobby capitalista? Cari esasperati, davvero il nigeriano vi ha impoveriti andando a lavorare da schiavo per il vostro ex datore di lavoro disposto a tutto pur di risparmiare due soldi alla faccia dei diritti? Perché non riuscite a prendervela con lui? Cari esasperati dai 35 euro e dai venditori di braccialetti in spiaggia lo sapete quanti immigrati servirebbero per fare un miliardo di euro? Sono i soldi che Apple ha evaso in Italia (ha patteggiato per 318 milioni, per dire). E ce ne sarebbero altri mille di esempi così.

Sapete perché vi esasperate solo con i disperati? Perché è vigliaccamente facile, solo per questo. E vi illudete di fare la rivoluzione ma state solo facendo il solletico al tallone del potere.

Buon mercoledì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/08/01/cari-esasperati-qualche-consiglio-per-esasperarsi-davvero/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.