L’arma più usata nelle violenze sessuali in Italia: le chiavi di casa

L’ultima storia arriva da Reggio Emilia. Lui il 16 agosto invita lei a cena a casa sua. Sono fidanzati. O meglio: lui è l’ennesimo stronzo che la considera proprietà privata e lei se n’è accorta appena in tempo. Alle 2 di notte litigano, lui la accusa di un tradimento, la pesta a sangue, lei si rinchiude in camera, lui prova a sfondare la porta finché non decide di chiuderla in casa. Il giorno successivo, nel pomeriggio, lui prova a scusarsi ma appena lei gli comunica di voler mettere fine alla loro relazione ricominciano le botte. E le violenze sessuali, ovviamente, poiché la donna-oggetto comprende anche la soddisfazione corporea nella mente malata di questi. Solo tre giorni dopo lei riesce a scappare, dopo avere trovato il luogo in cui erano nascoste le chiavi dell’appartamento. Fugge, si presenta dai carabinieri e racconta tutto. Piccolo particolare: lei l’aveva già denunciato nello scorso luglio per atti violenti. Ma ora vedrete che in molti ci spiegheranno che la colpa è sua che ha deciso di dargli un’altra occasione.

Oltre 100 donne ogni anno vengono uccise in Italia. Negli ultimi dieci anni le donne uccise sono state 1.740, di cui 1.251 (il 71,9%) in famiglia. Anche l’Onu conferma che l’80% dei casi di violenze contro le donne si consuma tra le mura domestiche per mano di ex partner, mariti, compagni, padri, fratelli o persone conosciute ed è la causa del 70% dei femminicidi.

Eppure la ferocia che si scatena nel caso in cui i colpevoli siano stranieri subisce un brusco annacquamento quando si tratta di violenze a casa nostra. I giornali anzi fanno a gara per confondere violenza e amore, inquinando l’aria già tossica: è tutto uno sciorinare “killer in lacrime” (come nel caso del Corriere del Veneto lo scorso 8 agosto scrivendo di Natalino Boscolo Zemello che ha ucciso la moglie), oppure di innamorati pentiti (qui i casi sono moltissimi) fino al pezzo su Repubblica Torino in cui raccontando di Marco Lopez Tacchini (che ha ucciso la sua compagna) la giornalista ci tiene a farci sapere che l’assassino chiede «in continuazione notizie della sua cucciola».

Per questo rientro dalle vacanze si potrebbe fare un patto: prendere coscienza che l’arma più usata dai violenti contro le donne sono le chiavi di casa, la razza peggiore è quella dei presunti innamorati e tutta questa paura di essere invasi potrebbe essere usata per chiudere i porti agli assassini che usano l’amore come condono.

Ci sarebbe aria più pulita. Mica solo per le donne. Per tutti.

Buon mercoledì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/08/22/larma-piu-usata-nelle-violenze-sessuali-in-italia-le-chiavi-di-casa/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.