Che pena maschio italico, tra bordelli con le bambole di gomma e sevizie “consenzienti”


Dalla casa di piacere dove le prostitute sono bambole passando per l’imprenditore parmense accusato di stupro con il suo spacciatore di fiducia fino al leghista che gestiva un bordello con ragazze straniere: il “maschio italiano” che dovrebbe difendere le proprie donne sembra caduto in disgrazia. Forse sarebbe meglio che cominciasse a imparare il rispetto e la legge, prima di occuparsi d’altro.
Continua a leggere

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.