Il panettone amaro

Mi si perdoni se interrompo il coito festivo con una notizia che arriva da Marnate, provincia di Varese, e che fotografa il Paese reale, quel feticcio che tutti sventolano per rinchiudere gli avversari nel recinto della casta e che invece andrebbe analizzato con serietà, costanza e coscienza.

A Marnate la Hammond Power Solutions produce trasformatori ad alta tensione. Fino a sei anni fa si chiamava più prosaicamente Marnate Trasformatori e, come tante aziende del territorio, aveva trovato ossigeno con la nuova proprietà canadese. Prima della chiusura natalizia i rappresentanti dei dipendenti avrebbero dovuto incontrare la proprietà per firmare il miglioramento del proprio contratto, dal “Confimi” al Federmeccanica CCN Nazionale. Avrebbe dovuto essere un buon Natale, insomma, per quelle quaranta famiglie.

Alle 14 di qualche giorno fa i dipendenti hanno ricevuto l’abituale cesto natalizio. In fondo, che si creda o meno, a Natale non si spera tanto che vada bene l’anno che verrà, si confida almeno che vada meglio. Basta quello. Due ore dopo i dipendenti hanno ricevuto invece l’annuncio di “cessazione attività”, alle quattro del pomeriggio. Cessazione attività è il modo elegante con cui ti scrivono che non servi più, che c’è qualcun altro in giro per il mondo che costa meno di te, in uno Stato che offre di più. I trasformatori sono solo un particolare irrilevante, quando il lavoro è solo una riga tirata dritta sotto ai costi e ai benefici.

Il gruppo è quotato alla Borsa di Toronto, è leader di mercato nel Nord America e ha stabilimenti nel mondo anche negli Usa, Messico e India. Se la produttività è l’unico comandamento diventa difficile immaginare la filiale di Marnate, probabilmente.

In questa storia c’è anche tutto il tempismo irrispettoso con cui le aziende ormai vomitano i propri licenziamenti: «un fulmine a ciel sereno», ha detto il sindaco. Succede sempre così. Licenziamenti inaspettati, come se fossero un accidente della vita che ci meritiamo. A posto così.

È una storia minima ma è fatto di piccole storie così il Paese che se ne fotte della retorica, del cattivismo, dei benpensanti e dei profeti della finanza interplanetaria. Sono questi a cui mancano le risposte, il futuro e la rappresentanza. L’augurio a loro, e a noi, è che l’anno che viene porti una rappresentanza a loro. A noi.

Buon giovedì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/12/27/il-panettone-amaro/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.