A proposito del fantastico mondo di Salvini

Il ministro dell’Interno che chiede ai cantanti solo di cantare e agli scrittori solo di scrivere è la fotografia più evidente di un ego riferito incapace di fare i conti con la complessità. Etichettare una persona per limitarne la credibilità è un giochetto da asilo. Con un particolare: lui fa cose che da ministro non dovrebbe fare. Ma i moralisti spesso fanno la morale solo con il culo degli altri.

(Il mio editoriale per TPI con cui inizio la mia collaborazione, e che ringrazio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.