«Leggendo Carnaio ho immaginato che l’anima di Roberto Bolano si fosse impossessata di Giulio Cavalli»: la recensione di Michele d’Apuzzo

Leggendo Carnaio ho immaginato che l’anima di Roberto Bolano si fosse impossessata di Giulio Cavalli, “costringendolo” a scrivere una storia grottesca, surreale, devastante, inquietante, cruda, profondamente sensoriale, una distopia che non è altro che lo specchio di una distopica realtà che, frutto di una mutazione decennale culturale- intellettuale, attanaglia inesorabilmente la nostra società Occidentale con l’Italia sempre più malato terminale.

Il tema di partenza del romanzo è legato al fenomeno dei flussi migratori, soprattutto gli aspetti più drammatici, ma in realtà esso non è altro che la causa che da vita alle tematiche della storia che ruota attorno alla DEGENERAZIONE DELL’UMANITA’ sia in termini di banalizzazione delle tragedie sia come essa si inserisca nel contesto intellettuale , il rapporto verso il diverso e la dilagante ignoranza che sta generando “mostri”, schiere di automi forcaioli.

In Carnaio ho rivisto alcuni personaggi grotteschi e situazioni surreali che mai avrei immaginato potessero salire un giorno alla ribalta. In esso troviamo l’ignoranza sbandierata come valore portante per opporsi a chi, praticando la complessità del pensiero, fa dello studio e della conoscenza un requisito imprescindibile per costruire basi solide di progresso sociale; troviamo i “ questo lo dice lei”; la borgatara ed i suoi morbillo-party; il politico con la divisa del generale Custer; il borghese piccolo piccolo che dal paesino del profondo Sud scalpita per emergere ; il rivoluzionario ballista e piacione; etc etc.

DF è il paese metafora, un mondo semplice a tratti banale, dove l’ottusità e la radicale ideologia della chiusura non farà che provocare altro che un isolamento letale. Proprio quello che sta succedendo all’Italia!

Un Romanzo corale e polifonico, una pièce teatrale drammaticamente grottesca e purtroppo reale.

Leggendo Carnaio ho immaginato che l’anima di Roberto Bolano si fosse impossessata di Giulio Cavalli, “costringendolo” a…

Pubblicato da Michele d'Apuzzo su Lunedì 28 gennaio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.