Vi ricordate il poliziotto che portò la molotov (finta) alla Diaz? È stato promosso, ora comanda il centro operativo della Polstrada di Roma. Ah, la meritocrazia.

Dopo la nomina al vertice della Dia di Gilberto Caldarozzi, condannato a 3 anni e 8 mesi per i falsi verbali della scuola Diaz, a un altro dei condannati eccellenti per la “macelleria messicana” del G8, è stato affidato uno degli incarichi più prestigiosi della polizia italiana. Pietro Troiani, il vicequestore passato alla storia come l’uomo delle false molotov, il 21 dicembre è stato nominato dirigente del Coa, il Centro operativo autostrade di Roma e del Lazio: il più grande d’Italia. Come per Caldarozzi tecnicamente non si è trattata di una promozione. Troiani resta vicequestore proprio come Caldarozzi resta primo dirigente. Questa è stata la precisazione del Dipartimento di pubblica sicurezza dopo che Repubblica aveva pubblicato le critiche delle vittime e dei famigliari dei manifestanti massacrati di botte e arrestati con false prove nella scuola Diaz nel luglio 2001.

da Repubblica

1 pensiero su “Vi ricordate il poliziotto che portò la molotov (finta) alla Diaz? È stato promosso, ora comanda il centro operativo della Polstrada di Roma. Ah, la meritocrazia.

  1. È uno scandalo ma in effetti è il prototipo del poliziotto che obbedisce e si fa obbedire qualunque sia l’azione che gli si affida, questo è l’esercito queste sono le forze di polizia: autoritarismo, gerarchia, patriarcato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.