“Sono un fascista a cui piace Trump”: così si presenta il terrorista che ha ucciso 49 persone


Nel documento in cui rivendicano l’attentato e la propria ferocia omicida gli assalitori delle moschee in Nuova Zelanda citano Donald Trump come “simbolo di una rinnovata identità bianca e di uno scopo comune”. Se ogni volta che accade un gesto terroristico di quegli altri si corre a cercare il rabbino eccolo qui: il presidente degli USA.
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.