Il coraggio di essere felice

Sono questi, davvero, i nuovi resistenti. Quelli che prendono decisioni liberandosi dal senso comune, andando controcorrente, e non si sentono salmoni ma semplicemente in pace con se stessi, anche sassi, se servisse.

Mi sto innamorando di chi ha il coraggio di essere felice e di dirlo agli altri, senza remore, non tanto accontentandosi come vorrebbero lassù ma proprio non accontentandosi: ribadendo punto per punto che tra i diritti conclamati che si sono ammuffiti c’è la felicità, come se fosse un privilegio troppo grande. E alla fine molti di noi hanno cominciato a pensare di non potersela permettere, la felicità.

E invece parte tutto da lì, da quell’apertura dei nostri pori che dovrebbero smetterla di rimanere rinchiusi e stizziti, spaventati dall’aria.

Amo quelli che si commuovono e non si nascondono il viso con la mano. Amo quelli che si dicono farò di più e farò meglio. Amo quelli che stringono le borse della spesa e dentro c’è un regalo per loro o per qualcuno che amano. Amo quelli che vedono a colori, anche se gli altri gli dicono di smetterla, si imbevono di colori e profumano di persone intere, in mezzo a queste mezze vite che cercano disperatamente di completarsi.

Se chiedo qualcosa per Natale, chiedo il coraggio di essere felice.

1 pensiero su “Il coraggio di essere felice

  1. Spero non suoni presuntuoso, ma è il profilo sul quale cerco di modellare la mia vita.
    Poi – magari – in un altro post, parliamo anche di quanto costi essere così. Ma io non riesco a essere diversamente, mi ammalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.