Arresti in Lombardia: altro che locomotiva d’Italia


Novantacinque persone indagate a vario titolo per associazione per delinquere aggravata dall’aver favorito un’associazione di tipo mafioso, finalizzata a corruzione, finanziamento illecito ai partiti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, false fatturazioni per operazioni inesistenti, auto riciclaggio e abuso d’ufficio. Ma davvero La Lombardia è la locomotiva d’Italia? Ma davvero non sarebbe il caso di tenere gli occhi ben aperti prima di magnificare una regione che ormai da un decennio si trascina di arresto in arresto?
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.