Brembate, quell’innocuo striscione contro Salvini e la sospetta solerzia delle questure


Esiste più di un legittimo sospetto che le forze dell’ordine ultimamente funzionino a corrente alternata: prontissime, quasi prone, a difendere l’onorabilità del ministro Matteo Salvini, come nel caso dello striscione rimosso a Brembate, e colpevolmente distratte quando si tratta di sopportare un fascismo di ritorno (nei toni e nei modi) che invece si propaga un po’ dappertutto. Non è questione di politica, no, è una questione di libertà. Di libertà che si vede arrugginire nelle piccole cose, nei piccoli gesti, come quello striscione appeso lì a Brembate.
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.