Eccoli, gli scafisti (radical chic)

Volete sapere chi sono quelli che lucrano sull’immigrazione e che guadagnano con gli stranieri? Semplice. Semplicissimo.

Casamassima, ad esempio, paese in provincia di Bari: Domenico De Frenza sfruttava un pastore bengalese (senza permesso di soggiorno e quindi invisibile, senza diritti) facendolo lavorare 11 ore al giorno con la sontuosa paga di 1,80 euro all’ora. Un euro e ottanta centesimi ogni ora. Nessun risposo, niente ferie, nessuna assistenza medica. Niente di niente. Abitava in un container costruito assemblando le cabine di un camion, la cucina era costituita da un fornello con una bombola di gas, per i servizi igienici si serviva di un pozzo, quello usato dagli animali per abbeverarsi. Aveva provato a ribellarsi, il bengalese, ma essendo invisibile ha dovuto sottostare ai voleri del suo padrone pur di spedire un po’ di soldi a casa alla moglie e ai figli. Eccolo, lo scafista.

Oppure potete andare nelle campagne di Latina, di Fondi, di Terracina dove i Sikh da anni sono forza lavoro da stremare e sottopagare con l’accondiscendente di tutta la filiera alimentare.

Oppure potete andare nelle fabbriche venete, dove gli scafisti votano Lega.

Oppure potete fare un salto nelle imprese edili in Lombardia, dove se scomparissero tutti gli stranieri non sarebbero nemmeno capaci di tirare su una cuccia per cani.

Oppure potreste chiedere a un ministro dell’Interno che senza stranieri sarebbe ancora a fare l’anonimo (ma ultrapagato) parlamentare europeo. Non so se ve lo ricordate: è quello che critica i radical chic e intanto passeggia nella sontuosa villa del suocero Denis Verdini.

Oppure potreste chiedere al sindaco di Gallarate, che si è inventato un reato di un tunisino contro un italiano e invece era il contrario. E gli sono rimaste in bocca le scuse e le parole.

Se ci pensate bene sono tutti dei privilegiati, mica dei disperati, dei perfetti radical chic.

Per esistere hanno bisogno delle stesse persone che a parole condannano. Altrimenti sarebbero niente. Niente di niente. E se quelli diventassero persone normali, i clandestini come li chiamano loro, improvvisamente toccherebbe dargli diritti. E questi non esisterebbero più.

Buon martedì.

L’articolo Eccoli, gli scafisti (radical chic) proviene da Left.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2019/08/20/eccoli-gli-scafisti-radical-chic/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.