Credersi grande di una grandezza latente

Ho passato tutto il giorno a leggere tutte le analisi della sconfitta. Roba guerriera, lo so. Ero curioso di sapere come uscire dalla china del pessimo risultato in Umbria, cosa ne pensassero i protagonisti, cosa ci dicono che hanno intenzione di modificare, cosa avrebbero fatto da oggi per invertire la rotta, quali fossero i comportamenti sbagliati e come sostituirli.

Un crogiuolo di errori, un estenuante elenco di errori quasi sempre degli altri: per Di Maio la colpa è del Pd che fa male al Movimento 5 Stelle come faceva male la Lega (e ha ragione Makkox quando dice che gli ricorda la storiella di quello che si toccava e aveva male dappertutto e invece era solo male al dito); nel Pd è colpa di Renzi, per Renzi è colpa del Pd. E così via in una sequela di responsabilità che sono sempre scaricabili su altri.

Ma questa non è una novità, per carità. Non ce ne stupiamo. In mezzo ai nomi dei presunti colpevoli ci sono anche le dichiarazioni di cambiamento: “così non va bene”, “dobbiamo cambiare passo”, “il governo deve dare una sferzata” sono le frasi, testuali, di chi sul governo ha grandi responsabilità.

Mi sono impegnato di più e mi sono detto: se cerco bene sicuramente vedrò qualcosa che da domani sicuramente cambierà. Mi spiego: se qualcuno dice che la litigiosità del governo sulla manovra ha influito negativamente sul governo allora proporrà una soluzione, magari incontrarsi tutti per discutere e uscire con una linea comune e uscire con la promessa di non attaccarsi sui giornali. Roba semplice. Roba così. Oppure se qualcuno dice che questo governo non ha avuto il coraggio di prendere le distanze dalle politiche di Salvini allora ti aspetti che qualcuno ci dica che da domani verrano smontati i Decreti Sicurezza, Quota 100, insomma qualcosa di concreto.

E invece niente. Ed è qui che sta il nocciolo della questione: mesi passati a contestare (anche giustamente, eh) le azioni di Salvini e non c’è nemmeno un’idea di come sostituire quei modi. Niente. Non solo non c’è niente ora: non c’è niente all’orizzonte. E ancora qualcuno si illude che le persone cambino idea per le colpe e non per le soluzioni.

Lo scrisse benissimo Italo Svevo: «Che io forse abbia amato tanto la sigaretta per poter riversare su di essa la colpa della mia incapacità? Chissà se cessando di fumare io sarei divenuto l’uomo ideale e forte che m’aspettavo? Forse fu tale dubbio che mi legò al mio vizio perché è un modo comodo di vivere quello di credersi grande di una grandezza latente.»

Buon martedì.

L’articolo Credersi grande di una grandezza latente proviene da Left.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2019/10/29/i-maghi-delle-colpe-senza-soluzioni/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.