Covid e criminalità in Lombardia, Caselli: “È nel dna delle mafie sfruttare sofferenze e disgrazie”


Le conseguenze economiche dell’emergenza Coronavirus aprono nuovi spiragli alla criminalità organizzata. “È nel dna delle mafie da sempre sfruttare sofferenze e disgrazie e in un momento come queste le opportunità che si aprono sono enormi”, spiega l’ex magistrato Gian Carlo Caselli a Fanpage.it. In Lombardia sono tanti gli allarmi arrivati negli ultimi mesi.
Continua a leggere

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.