Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano

La fotografia dello stato del giornalismo è la prima pagina di alcuni quotidiani in edicola oggi, venerdì 11 giugno 2021. Niente di nuovo e niente di strano, per carità, la pubblicità si sa che è l’anima del commercio e se le Poste hanno deciso di inondare le prime pagine dei quotidiani per la loro campagna sicuramente qualcuno si sarà leccato i baffi. Vuoi mettere avere pubblicità in un momento come questo. Però qualcuno potrebbe pensare che sia di cattivo gusto decidere di brandizzare proprio la prima pagina, quella che – esposta in edicola – dovrebbe subito, alla prima occhiata, raccontare la propria linea editoriale.

La prima pagina di un quotidiano, in fondo, è la visione che quel quotidiano ha del contemporaneo e del mondo. Lì dentro c’è la gerarchia delle notizie che racconta le priorità. Volendo vedere ci potrebbe anche essere (merce rara di questi tempi) qualche bella inchiesta strillata.

Niente. Stamattina i lettori quotidiani si sono omogenizzati in un pastone unico, giornali di destra e di sinistra per la prima volta sotto lo stesso tetto: pubblicità, calcio e un po’ di retorica della ripartenza.

“L’amore per l’Italia non conosce distanza”, recita il puccioso messaggio che ricopre i quotidiani. E a nessuno viene in mente che il confine tra indipendenza del giornalismo (e l’enorme ruolo che il giornalismo ricopre in una sana democrazia) e mercato questa mattina sia un po’ debole?

Dov’è il confine tra sussistenza economica e mercificazione? Per capirsi: abbiamo assistito, nel mondo del calcio, a moti di ribellione per il nome degli stadi svenduto allo sponsor, ma non è lo stesso per la testata del quotidiano che leggete normalmente?

Quelli si difenderanno, c’è da scommetterci, dicendo che non si tratta della “prima” ma è solo una “copertina”. In sostanza, per una volta, non è il giornale che serve per incartare ma è lui stesso a finire incartato. E incartato è proprio l’aggettivo giusto oggi, risuona bene perché sa di inceppamento, di un incaglio che è quasi un inchino.

Sia chiaro, ci sono cose ben più importanti di cui occuparsi e di cui scrivere, siamo tutti d’accordo. Sono le stesse notizie importanti che rimangono dietro allo spottone delle Poste. Siamo a posto così.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.