L’assurda storia del pescatore Vincenzo: salva 24 naufraghi e finisce sotto inchiesta

Vincenzo Partinico è un pescatore che sabato scorso mentre navigava per lavoro a una trentina di miglia da Lampedusa ha incrociato una “carretta del mare” con 24 migranti a bordo e che imbarcava acqua. Partinico ha fatto quello che farebbe qualunque persona con un cuore, quello che è sempre avvenuto nella Storia: ha salvato chi chiedeva aiuto. All’Adnkronos ha raccontato che quelli stavano con «i vestiti zuppi d’acqua e negli occhi spalancati il terrore di quello che avevano vissuto». Alle 4.45 del mattino, l’ora in cui il mare accoglie solo i disperati e i pescatori, ha sentito un urto e ha capito che si trattava di persone.

Racconta di avere recuperato alcuni, altri sono finiti in mare, lui e i suoi colleghi hanno gettato i salvagenti fino a raccoglierli tutti, prima di avvisare la motovedetta della Capitaneria di porto. Accade da secoli: in mare i pescatori, tutti quelli che con il mare e nel mare ci sono cresciuti, hanno la regola universale di salvare chi si trova in difficoltà. Capita di salvare pescatori, capita di salvare diportisti, capita di salvare i migranti. Vincenzo Partinico, 57 anni, spiega il perché senza bisogno di troppi giri di parole: «sono esseri umani. Non c’è differenza e chi dice il contrario è solo un cretino».

Eppure Partinico ora si deve trovare in fretta un avvocato perché è stato denunciato alla Procura di Agrigento. Il reato? Era là dove non avrebbe potuto stare: per salvare quelle persone si è permesso di avvicinarsi e in questo mondo di egoismi travestiti da sovranismi i confini sono catene che ti si abbattono sulla schiena anche in casi come questo. “Violazione delle norme del Codice della navigazione” c’è scritto sull’avviso di garanzia. Il sindaco di Lampedusa Totò Martello prova a ripetere a tutti i giornalisti che «Vincenzo è l’orgoglio di Lampedusa» e che la sua azione «dimostra più di tante parole come chi è a mare non guarda né al colore della pelle né ai cavilli burocratici» ma segue l’unico comandamento del mare: salvare chiunque abbia bisogno di essere salvato.

L’articolo L’assurda storia del pescatore Vincenzo: salva 24 naufraghi e finisce sotto inchiesta proviene da Il Riformista.

Fonte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.