Morte di Fedele Bizzocca, il vero colpevole è lo Stato: è stata omissione di soccorso

Non ha fatto nemmeno in tempo a passare il dolore e lo sgomento per la morte di Nasser Yussef, ufficialmente morto al carcere di Sollicciano con “la testa incastrata nello spioncino della cella” (secondo la versione ufficiale, eppure viene difficile non notare che quello spazio è di una decina di centimetri, una testa in media è larga almeno il doppio e per morire soffocati serve una desolante assenza tutta intorno) che a Trani accade la morte di Fedele Bizzoca.

Bizzoca, si affrettano a scrivere molti giornali, era detenuto da gennaio per spaccio eppure Bizzoca era «persona sofferente di una grave patologia psico-fisica», come scrive l’ufficio del Garante nazionale dei detenuti che aveva verificato «l’incompatibilità con la detenzione in carcere», peraltro «valutata e dichiarata da tempo dalle Autorità sanitarie del carcere e dalla stessa Direzione». Il Garante nazionale nel corso di una visita in Puglia aveva riscontrato «l’assoluta inadeguatezza» della collocazione del detenuto, in una cella senza «alcuna assistenza sanitaria adeguata», tant’è che «le condizioni materiali e igieniche in cui lo si è ritrovato, si presentavano molto oltre ogni parametro di minima decenza e salubrità».

Il tema è sempre lo stesso, decidere se essere un Paese che identifica le persone in base alla loro colpa oppure per i loro bisogni, se essere un Paese in grado di mantenere compatibili i due diversi piani e soprattutto se essere un Paese che riesce a garantire almeno la sopravvivenza delle persone che ha “in custodia”. Perché “custodire” è un atto che contiene molto di più del semplice confinare. Pretende l’uso della cura e l’impegno della rieducazione e determina il grado di salute e di credibilità di una democrazia.

Sono due morti che avvengono in pochi giorni ma fotografano perfettamente la condizione di illegalità in cui versa il sistema penitenziario italiano, discarica silenziosa delle periferie cane dove lo Stato non riesce ad arrivare. Carceri come accumulo di persone “in transito” vero un luogo che non si riesce mai a trovare perché non c’è. Dal carcere di Trani dicono che «non si era riusciti ancor a trovare una struttura idonea, anche fuori regione, per curare la patologia di cui soffriva il detenuto Bizzoca»: tecnicamente è un’omissione di soccorso. Sul carcere di Sollicciano ci si dimentica di dire che gli atti autolesionistici sono nel 2020 sono stati 700: tecnicamente potrebbe essere definito un perseverare diabolico.

Del carcere non interessa a nessuno perché ogni volta che si scrive di un diritto negato tra le celle ci si scontra con l’idea diffusa che la morta sia uno dei possibili effetti collaterali della vendetta. “Se sei colpevole devi accettare di rischiare la vita”, ripete qualche leader politico: l’eccesso di legittima difesa come la sogna qualcuno è una realtà quotidiana che avviene per mano dello Stato. Sarebbe un enorme tema umanitario su cui costruire un’ampia campagna politica. Ma le carceri italiane sono messe così male che non si trova nemmeno mezzo leader politico in grado di strumentalizzarle per il verso giusto. Nemmeno quello.

L’articolo Morte di Fedele Bizzocca, il vero colpevole è lo Stato: è stata omissione di soccorso proviene da Il Riformista.

Fonte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.