Confindustria vuole Draghi anche dopo il 2023, ma la Costituzione non è un prodotto commerciale

Nonostante in molti si ingegnino a dimostrare il contrario (di solito sono quelli che vorrebbero sembrare “vicini al popolo” continuando indisturbati a servire i padroni, sono facili da riconoscere) la politica è molto semplice: si gioca tutto sull’equilibrio, da trovare il più misurato e intelligente possibile, tra gli interessi dei lavoratori e gli interessi di chi ha a cuore solo il fatturato.

Anni passati a demolire il concetto di “lotta di classe”, umiliandolo e sterilizzandolo se non addirittura buttandolo tra i concetti pericolosi eppure siamo sempre qui, alla disputa tra i ricchi con il terrore di non poter diventare ogni anno più ricchi e i poveri che devono accettare le condizioni dei ricchi e stare buone e perfino ringraziare.

Per questo l’accoglienza del Presidente del Consiglio all’assemblea degli industriali, con il presidente di Confindustria Carlo Bonomi a celebrare tutto barzotto gli onori di casa ci dice una cosa chiara e semplice: questo governo che vorrebbe rivendersi come apolitico è in realtà politicissimo e sta piacendo moltissimo agli imprenditori e molto meno ai sindacati dei lavoratori. È un fatto legittimo ma fingere di non vederlo è un abuso di creduloneria.

Così accade che Bonomi ci tenga a farci sapere che “ogni tanto la storia delle istituzioni italiane ci ha riservato un terzo tipo di uomini. Gli uomini della necessità. Personalità che avvertono il dovere di rispondere ai problemi della comunità italiana, prima che lambizione di restare a qualunque costo al suo timone. Ecco, Mario Draghi è uno di questi uomini, uomini della necessità”.

Tutti felici. Peccato che in pochi si accorgano che se Draghi è il terzo tipo di uomini gli altri due siano quelli democraticamente scelti e eletti e che svolgono i ruoli definiti dalla Costituzione. Ma Bonomi, si sa, ragiona così: se un prodotto fa vendere allora significa non solo che è un buon prodotto ma che è addirittura legittimo poiché solo il fatturato ne certifica la bontà. E Draghi è il prodotto più affidabile che sarebbe mai potuto capitare a Confindustria e compagnia cantante. 

E infatti non è un caso che proprio a Draghi Bonomi si permetta di chiedere soldi alle imprese per la “transizione ecologica” (che sembra sempre di più il salvadanaio da cui pescare senza sensi di colpa, perfino con velleità ambientaliste) e ventila “rischi di chiusura o delocalizzazione” come sottile ricatto da avanzare ogni volta mentre definisce “velleitari” gli obbiettivi del ministro Cingolani.

Poi Bonomi, di fronte a Draghi che lo ascoltava sornione, ha ribadito che “il blocco dei licenziamenti è stato una sciagura” (verrebbe da chiedere: per chi?) E ha avuto il coraggio di affermare che non ci sia stata nessuna emorragia di posti di lavoro quando è stato rimosso (peccato che si sia dimenticato di dire che le persone che sono state riassunte hanno dovuto farlo con contratti più da sfruttati e con meno diritti).

Poi, con la consueta poca contezza del proprio ruolo, si è permesso di esprimere un delicato giudizio su Quota 100 (“è stata un furto ai danni dei soggetti fragili del nostro welfare squilibrato”) e chissà che ne pensa Matteo Salvini.

Insomma ascoltando Bonomi la sensazione è che questa Confindustria abbia la netta sensazione che questo governo potrà portare soddisfazioni ancora maggiori. E non stupisce vedere Bonomi augurarsi di vedere Draghi alla guida del governo il più a lungo possibile, “anche dopo il 2023”. Del resto per Bonomi ritirare dal mercato il prodotto Draghi è un errore commerciale. Peccato davvero che esista quell’inquinamento del libero mercato che si chiamano elezioni.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.