Altro che invasione, sugli sbarchi dei migranti si scatena la solita ammuina sovranista

Il numero rimbalza in certa retorica sovranista che prova a riprendersi gli spazi perduti e tra i gruppi antimmigrazionisti che cercano conforto per la propria xenofobia: i circa 60mila sbarchi avvenuti quest’anno in Italia per qualcuno dovrebbero essere il segnale chiaro della rapida decadenza del nostro Paese, del “fallimento” della ministra Lamorgese e soprattutto un buon motivo per l’eterno ritorno della presunta invasione.

Prendere un numero decontestualizzato e gettarlo come carne viva tra le fauci dei propri elettori è un esercizio banale che non richiede competenze e educazione alla complessità. «Se oggi ne sbarcano 60mila – dicono gli agitatori – ricordatevi che eravamo a 52.000 sbarchi in un anno quando si insediò al Ministero dell’Interno Matteo Salvini». L’associazione è perfino immediata: a giugno 2018 i media e l’opinione pubblica erano permeati da una presunta emergenza di un’Italia che si sarebbe sbriciolata per colpa dei poveretti che arrivavano dal mare e il tentativo di tornare a quei tempi sembra un’impresa accessibile. Qualcuno si lancia ancora più spericolatamente: «Ad agosto del 2019 eravamo a 8.500 sbarchi, ora siamo al collasso!», si sente urlacciare in giro e tutti a immaginare e temere un sistema al collasso, un Paese sotto stress per i troppi arrivi e una soglia non più sostenibile.

Facciamo un po’ di ordine. Matteo Villa, responsabile per le migrazioni per l’Ispi (l’Istituto per gli studi di politica internazionale) ricorda come il quadro internazionale sia profondamente cambiato: diversamente dal 2014-2017, quando oltre il 90% degli sbarcati in Italia partiva dalla Libia, oggi gli arrivi sono ben distribuiti tra Libia e Tunisia. E si registrano aumenti su tutte le rotte (Turchia, Grecia, Albania). Le migrazioni irregolari via mare si sono anche “regionalizzate”: le persone che arrivano in Italia dalla Tunisia sono per oltre il 70% tunisine; la maggioranza relativa delle persone in fuga dalla Libia è originaria del Bangladesh, ed era nel paese da tempo. Sta accadendo che la Tunisia sia in inginocchio a causa del crollo del turismo per la pandemia (il turismo è circa il 10% del Pil nazionale) mentre in Libia non si registra un maggior flusso di migranti ma semplicemente le persone intrappolate cercano di fuggire a ritmi superiori rispetto al 2019.

Sulla Libia poi rimane sempre l’annosa questione dei potentati locali che aprendo e chiudendo i rubinetti dell’emigrazioni riescono a esercitare pressione sull’Europa per chiedere di volta in volta più soldi. Denaro che puntualmente (Italia in testa) arriva ai libici con la cretina speranza che quelli possano davvero fungere da tappo a un fenomeno sistemico che non si ferma di certo addestrando e pagando violenti rastrellatori. Quindi siamo di fronte a qualcosa di inaudito? No, per niente. Come scrive Ispi «già nel 2011, nel corso delle Primavere arabe e in particolare della Rivoluzione tunisina, circa 60.000 persone sbarcarono sulle coste italiane. E nel periodo 2014-2017 si registrarono tra i 110.000 e i 180.000 sbarchi l’anno. Insomma, malgrado la pandemia abbia aggravato le condizioni nei paesi di partenza e contribuito a un rapido aumento degli sbarchi, siamo ancora molto lontani dal periodo degli “alti sbarchi” in Italia».

Per esempio le persone all’interno del sistema di accoglienza italiano non sono aumentate (siamo a 80.486 persone) e continuano a essere meno della metà rispetto al 2017 (erano 190.674). Le richieste di asilo sul suolo italiano stanno tutt’altro che esplodendo essendo stabili (al di là di un breve rialzo dovuto allo stop per il lockdown a inizio 2020), quelle su cui le Commissioni territoriali devono ancora pronunciarsi sono ai minimi dal 2015. E nonostante la retorica sovranista negli ultimi 7 anni il numero di stranieri in Italia è sempre rimasto stabile, perfino negli anni della cosiddetta “grande invasione”, registrando un leggero calo negli ultimi 4 anni. Tutto questo, vale la pena ricordarlo, in un quadro nazionale più che desolante: nel corso del 2020 la popolazione italiana si è ridotta del 6,4%, e per la prima volta da decenni si è ridotta (del 5,1%) persino la popolazione straniera residente nel nostro Paese.

E le Ong contro cui ancora Salvini e Meloni alzano la voce? Anche qui sotto sotto c’è poco o niente: nel 2021 le Ong sono state responsabili del 13% del totale degli sbarchi in Italia. Esattamente quanto nel 2019, quando gli arrivi in Italia erano ai minimi. Conviene guardarli con lo sguardo largo i numeri, per riconoscere meglio gli allarmi dagli allarmisti.

L’articolo Altro che invasione, sugli sbarchi dei migranti si scatena la solita ammuina sovranista proviene da Il Riformista.

Fonte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.