L’Aids continua ad uccidere: “L’epidemia entra nel suo quinto decennio”

Di Aids se ne parla sempre meno. Sarà che la pandemia Covid-19 sembra avere ormai occupato tutti gli spazi di informazione scientifica ma quella che viene considerata una malattia minore se non addirittura quasi debellata nel 2020 ha contagiato almeno 310.000 bambini, uno ogni due minuti, e ne ha uccisi almeno 120.000, uno ogni cinque minuti. Sono i numeri allarmanti del nuovo rapporto Unicef su Hiv e Aids“Hiv and Aids Global Snapshot” – che avverte: la pandemia prolungata da Covid-19 sta aggravando le disuguaglianze che hanno a lungo guidato l’epidemia di Hiv, esponendo i bambini vulnerabili, gli adolescenti, le donne in stato di gravidanza e le madri che allattano a un rischio maggiore di perdere i servizi salvavita di prevenzione e trattamento dell’Hiv.

Secondo i dati dell’Unicef 160.000 bambini di età compresa tra 0 e 9 anni hanno contratto l’Hiv, portando il numero totale di bambini in questa fascia di età che vivono con l’Hiv a 1,03 milioni, 150.000 adolescenti tra i 10 e i 19 anni hanno contratto l’Hiv, portando il numero totale di adolescenti a 1,75 milioni (di cui 120.000 sono ragazze) e 120.000 bambini e adolescenti sono morti per cause legate all’Aids (86.000 da 0 a 9 anni e 32.000 da 10 a 19 anni).
Mentre in Africa orientale e meridionale, i nuovi contagi annuali tra gli adolescenti sono diminuiti del 41% dal 2010, in Medio Oriente e Nord Africa i contagi sono aumentati del 4% nello stesso periodo. 15,4 milioni di bambini hanno perso uno o entrambi i genitori per cause legate all’Aids l’anno scorso. Tre quarti di questi bambini, 11,5 milioni, vivono in Africa sub-sahariana. I bambini rimasti orfani a causa dell’Aids rappresentano il 10% di tutti gli orfani del mondo, ma il 35% di tutti gli orfani vive nell’Africa subsahariana.

«L’epidemia di Hiv entra nel suo quinto decennio nel contesto di una pandemia globale che ha sovraccaricato i sistemi sanitari e limitato l’accesso ai servizi salvavita. Nel frattempo, la crescente povertà, i problemi di salute mentale e gli abusi stanno aumentando il rischio di contagio per i bambini e le donne», ha detto il Direttore generale dell’Unicef Henrietta Fore. «A meno che non intensifichiamo gli sforzi per risolvere le disuguaglianze che guidano l’epidemia di Hiv, che sono ora esacerbate dal Covid-19, rischiamo di vedere più bambini contagiati dall’Hiv e più bambini che perdono la loro lotta contro l’Aids». Il rapporto evidenzia che molti paesi hanno subito interruzioni significative nei servizi per l’Hiv a causa del Covid-19 all’inizio del 2020. I test dell’Hiv per i neonati nei paesi ad alto impatto sono diminuiti dal 50 al 70%, con l’inizio di un nuovo trattamento per i bambini sotto i 14 anni che è diminuito dal 25 al 50%. I blocchi hanno contribuito ad aumentare i tassi di contagio a causa dei picchi di violenza di genere, dell’accesso limitato alle cure di follow-up e della mancanza di prodotti chiave.

Diversi paesi hanno anche subito riduzioni sostanziali nelle consegne nelle strutture sanitarie, nei test Hiv materni e nell’inizio del trattamento antiretrovirale dell’Hiv. In un esempio estremo, la copertura della terapia antiretrovirale tra le donne in stato di gravidanza è scesa drasticamente nell’Asia meridionale nel 2020, dal 71% al 56%. Anche se la fruizione dei servizi è ripresa nel giugno 2020, i livelli di copertura rimangono molto al di sotto di quelli precedenti al Covid-19, e la vera portata dell’impatto rimane sconosciuta. Inoltre, nelle regioni fortemente colpite dall’Hiv una pandemia prolungata potrebbe interrompere ulteriormente i servizi sanitari e ampliare i divari nella risposta globale. Nel 2020, in Africa sub-sahariana si è registrato l’89% dei nuovi contagi pediatrici da Hiv e l’88% dei bambini e degli adolescenti che vivono con l’Hiv in tutto il mondo, con le ragazze adolescenti che hanno sei volte maggiori probabilità di essere contagiate dall’Hiv rispetto ai ragazzi. Circa l’88% delle morti di bambini legate all’Aids sono avvenute nell’Africa sub-sahariana. È allarmante che 2 bambini su 5 che vivono con l’Hiv in tutto il mondo non conoscano il loro stato, e che poco più della metà dei bambini stia ricevendo un trattamento antiretrovirale.

Secondo il rapporto, nonostante alcuni progressi, nell’ultimo decennio i bambini e gli adolescenti hanno continuato a rimanere indietro in tutte le regioni. La copertura della terapia è molto indietro rispetto a quella delle madri in gravidanza (85%) e degli adulti (74%). La percentuale più alta di bambini che ricevono il trattamento antiretrovirale si registra in Asia meridionale (95%), seguita da Medio Oriente e Nord Africa (77%), Asia orientale e Pacifico (59%), Africa orientale e meridionale (57%), America Latina e Caraibi (51%) e Africa occidentale e centrale (36%). La tragica situazione dei minori affetti da Aids dimostra ancora una volta come le diseguaglianze, esattamente come accade per i vaccini Covid, impattino sulla diffusione della malattia. Con i farmaci oggi a disposizione non si muore più di Aids, se la malattia viene presa e trattata per tempo, ma non è ancora possibile sradicare il virus dell’Hiv dall’organismo. Ammalarsi di Aids nelle zone già povere del mondo invece spesso è una condanna morte.

L’articolo L’Aids continua ad uccidere: “L’epidemia entra nel suo quinto decennio” proviene da Il Riformista.

Fonte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.