In offerta!

La letteratura al tempo di Adriano Olivetti

Notice: Undefined index: AffiliateID in /web/htdocs/www.giuliocavalli.net/home/bottega/wp-content/plugins/woocommerce-amazon-affiliates-light-version/aa-framework/framework.class.php on line 2193 15,00 (as of 10 ottobre 2016, 20:08) & FREE Shipping. Details 12,75

di Giuseppe Lupo

  • Copertina flessibile: 316 pagine
  • Editore: Edizioni di Comunità (Roma) (15 settembre 2016)
  • Collana: Via Jervis
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8898220588
  • ISBN-13: 978-8898220588

Acquista prodotto

COD: 12 Categoria:

Descrizione

Presentazione di Giulio Cavalli:

Erano altri tempi quelli di Adriano Olivetti. Imprenditoria etica e un Paese che nonostante la crescita aveva a cuore il pil dell’uguaglianza e della felicità. Tempi in cui la riflessione sul lavoro e sui suoi rapporti con la vita e con le persone non aveva slogan ma pensiero.

E lui, Olivetti, stava anche nelle relazioni della letteratura senza sfilarsene snob come va tanto di moda oggi. Mi chiedevo, leggendo il libro, come scucirò a raccontare ai miei figli che davvero una volta gli imprenditori non c’entravano con la finanza, che davvero le fabbriche fabbricavano piuttosto che concentrarsi sulle proprie quotazione, sui derivati o sui fondi finanziari.

Come scrive Il Librario:

Erano gli anni del boom per l’Italia, si sviluppava una sorta di rivoluzione industriale, e la letteratura si trovava ad affrontare questa novità con le trasformazioni che portava e le contraddizioni e i problemi che sollevava.

Adriano Olivetti, già sposato alla sorella di Natalia Ginzburg, aveva assunto Paolo Volponi, come direttore dei servizi sociali, e Ottiero Ottieri, come direttore del personale, insieme a loro aveva riunito molti dei grandi intellettuali italiani del tempo, come SinisgalliBigiarettiBuzziFortiniGiudiciPampaloniSoavi. Li aveva assunti alla Olivetti, affinché si occupassero di economia e sociologia, di pubblicità e design, perché credeva nella possibilità di coniugare la modernità, con i suoi nuovi metodi di produzione di massa, e la persona umana, la cultura tecnico-scientifica e quella umanistica. Fu in questi anni che nacque la grande letteratura industriale italiana.

Che anni. Quegli anni.