Noi non possiamo essere imparziali.

“Noi non possiamo essere imparziali. Possiamo essere soltanto intellettualmente onesti: cioè renderci conto delle nostre passioni, tenerci in guardia contro di esse e mettere in guardia i nostri lettori contro i pericoli della nostra parzialità. L’imparzialità è un sogno, la probità è un dovere” (Gaetano Salvemini)

Un’ultima cosa prima del voto

Se il PD vota Marini la coalizione PD-SEL “Italia bene comune” è defunta, eh. Ovvio, vero? Perché non si affonda per solidarietà politica nelle scelte ingiustificabili. Mai.

Aldo Morto 54 parla

Daniele Timpano (ne scrivevo qualche giorno fa qui) ci scrive dalla sua prigionia-spettacolo sullo stato dell’arte e di salute del teatro italiano, a Rima, di narrazione soprattutto: DANIELE TIMPANO / ALDO MORTO 54 PARLA 24 marzo 2013 – SECONDA LETTERA dal carcere (a integrazione di quella mandata ieri al Taburo di Kattrin) Ciao a tutti, […]

Sempre meglio

Rutelli rientra nel centrosinistra e punta sul lillipuziano Tabacci. Ovviamente nessuno (per ora) ha il coraggio di dire no, come scrive Alessandro. Qui in Italia i progressisti sono indietro di qualche era geologica ma progrediscono nei diversi modi di provare a perdere o vincere comunque male. Ho la nausea. Residuale: come Tabacci e Rutelli.

La graduatoria del dolore per Bologna #2agosto1980

Di Michele Serra. Basta avere perso la suocera per considerarsi a pieno titolo parente delle vittime di una strage? Sembra Achille Campanile, puro umorismo nero, è invece la cronaca politica di questo pazzesco Paese, nel quale uno dei condannati per la strage di Bologna (il serial killer Giuseppe Valerio Fioravanti) e un deputato di destra […]