Il diritto di essere malati, come si vuole

Vivere comunque, nelle disgrazie e nella malattia, si chiama vita. Ognuno ha il diritto di affrontare questo percorso come se lo sente; chi con grinta, chi con speranza, chi con il sorriso, chi con rassegnazione. https://media.blubrry.com/giuliocavalli/p/www.giuliocavalli.net/wp-content/uploads/2019/08/TEMPLATE-8.mp3Podcast: Esegui in una Nuova Finestra | Scarica | IncorporaRegistrati: Apple Podcasts | Android | Email | Google Podcasts |…Continua la lettura di Il diritto di essere malati, come si vuole

Sana e robusta Costituzione

Articolo 10 della Costituzione: «L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della…Continua la lettura di Sana e robusta Costituzione

La disillusione in coda

Volete un sintomo per toccare con mano il mondo del lavoro giovanile in Italia? Vi bastava mettere la testa fuori e osservare la coda alla Fiera di Roma, dove 54.000 persone (cinquantaquattromila persone, uno stadio di calcio) sono state per ore in coda per il concorso per diventare navigator, la figura pubblica individuata dal ministro del…Continua la lettura di La disillusione in coda

Ora a Lucano gli daranno il divieto di esistere

Non è più sindaco di Riace, ormai a trazione Lega. Non è nemmeno consigliere comunale, nonostante sia stato il più votato infatti la sua lista ha preso un solo seggio che è andato al candidato sindaco. Da otto mesi ha divieto di dimora nel suo comune, roba che nemmeno un boss ‘ndranghetista o un pericoloso…Continua la lettura di Ora a Lucano gli daranno il divieto di esistere

Quell’arcobaleno del liceo Severi di Milano che profuma di speranza

La scritta omofoba apparsa davanti all’istituto superiore Severi-Correnti di Milano ha resistito poco: è stata “lavata” da un arcobaleno. Il gesto degli studenti è il sintomo di un’Italia che ancora legge la Costituzione, ancora la applica, ancora si spende per disperdere l’odio rispondendo con i diritti e le regole. Continua a leggere

I licenziati 2.0

E non vengono pagate il giusto. E non durano nemmeno il tempo di costruire un po’ di speranza. https://media.blubrry.com/giuliocavalli/p/www.giuliocavalli.net/wp-content/uploads/2019/05/TEMPLATE-17.mp3Podcast: Esegui in una Nuova Finestra | Scarica | IncorporaRegistrati: Apple Podcasts | Android | Email | Google Podcasts | RSS | More

C’è speranza, nello sfogo antirazzista del capotreno Trenord

C’è speranza nello sfogo del capotreno di Trenord Marco Crudo che ha deciso di pubblicare un video per dire basta ai razzisti. Uno sfogo che lascia intravedere un Paese che non era così e che lentamente prova a riaffermarsi al costo anche di andare controcorrente, di smentire i pregiudizi e di nuotare controcorrente. Lo sfogo…Continua la lettura di C’è speranza, nello sfogo antirazzista del capotreno Trenord

Candidiamo i nostri figli

VOCE 1: Ho tre figli. Perché siamo una famiglia larga, come si dice, anche se quando ci prende la paura ci viene da stare stretti. Si chiamano Tommaso, Leonardo, Martino fra dieci anni voteranno, più o meno. Mi sono sempre convinto che la ‘responsabilità’, dico per un padre, se avesse un forma la responsabilità per…Continua la lettura di Candidiamo i nostri figli

Carole Cadwalladr inchioda Facebook

Il giorno dopo il voto sulla Brexit, quando la Gran Bretagna si è svegliata con lo choc di scoprire che stavamo davvero lasciando l’Unione Europea, il mio direttore al quotidiano Observer, mi ha chiesto di tornare nel Galles meridionale, dove sono cresciuta, e scrivere un reportage. E così sono arrivata in una città chiamata Ebbw…Continua la lettura di Carole Cadwalladr inchioda Facebook

La lettera di un imprenditore suicida

Davvero, non c’è bisogno di aggiungere altro. Riccardo Morpurgo amava tre cose su tutto: sua moglie, la sua famiglia e i suoi operai. Era presidente di una Srl di Senigallia proprietaria delle ex colonie Enel, un cantiere che è rimasto fermo per dieci anni sul lungomare. È stato strozzato dalle banche che, qui da noi,…Continua la lettura di La lettera di un imprenditore suicida