Bravo! E giù di applausi per il boss

Il boss Luigi Cimmino, acclamato dai familiari quando è stato portato fuori dalla caserma che ospita la compagnia dei carabinieri del Vomero a Napoli: “bravo, bravo”, il grido di incitamento a cui sono seguiti gli applausi. Cimmino era il vero obiettivo dei killer del clan Caiazzo nell’agguato che costò la vita alla vittima innocente della camorra Silvia Rutolo, uccisa il 17 giugno 1997 a salita Arenella (riprese Giampiero De Luca, montaggio Anna Laura De Rosa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *