L’interrogazione al Ministro per Current

Depositata l’interrogazione per vederci chiaro su Current. Aspetto curioso le risposte.

INTERROGAZIONE

DI PIETRO. – Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dello sviluppo economico.

Per sapere – premesso che:

Current TV è un network televisivo internazionale di informazione indipendente, fondato nel 2005 da Al Gore – ex vicepresidente degli Stati Uniti e premio Nobel per la pace 2007 – e dall’imprenditore e avvocato Joel Hyatt; premiata nel 2007 con un Emmy Award per il suo originale servizio TV interattivo, Current TV è una piattaforma cross-mediale attiva 24 ore su 24 che integra televisione e internetCurrent TV si fonda sul concetto degli user generated content (contenuti generati dagli utenti), dunque conta sulla partecipazione attiva di un pubblico di young adults (18-35 anni), pronto a proporre e fruire dei contenuti con l’intento di creare una coscienza collettiva attraverso lo scambio partecipativo d’informazioni da ogni angolo del pianeta; Current TV ha implementato per prima nell’industria televisiva il modello dei contenuti creati dallo spettatore (VC2 – viewer created content), che costituiscono circa un terzo delle trasmissioni della rete. Il network ha inoltre sviluppato un nuovo modello di spot chiamato V-CAMs (viewer created advertising messages), ovvero messaggi pubblicitari creati dallo spettatore;

Current TV è attualmente visibile negli Stati Uniti, Inghilterra, Irlanda, Italia attraverso i partner di distribuzione Comcast (Canale 107), Time Warner, DirecTV (Canale 366), Dish Network (Canale 196), BSkyB (Canale 193) e Virgin Media Cable (Canale 155) e SKY Italia (canale 130); le trasmissioni italiane sono partite l’8 maggio 2008; dalla rete al satellite, Current TV ha sempre offerto proposte che tendono a discostarsi dalle usuali programmazioni e soprattutto investono su idee e persone nuove; il concetto alla base di questo modo di fare televisione consiste nel proporsi come alternativa alle forme tradizionali d’informazione imposta dall’alto, senza possibilità di feedback da parte dell’utenza. Con Current TV, infatti, le trasmissioni televisive sono realizzate anche grazie alla partecipazione degli utenti; Current TV è stata fondata con l’obiettivo di democratizzare lo scenario televisivo attraverso nuovi strumenti partecipativi di accesso ai media e la crescita del canale nell’ultimo triennio è stata del 270 per cento di share in day time e del 550 per cento in prime time (fonte: ricerca Auditel-Starcom 2010);

secondo quanto si apprende dalla stampa nazionale, Current TV avrebbe ricevuto una notifica da parte di Sky Italia, la società televisiva amministrata da Rupert Murdoch, con la quale si annunciava la decisione di interrompere la trasmissione del canale italiano già da questa estate; tale notizia, per quanto risulta all’interrogante, sarebbe arrivata proprio nel momento in cui Current TV, ha aggiunto nel suo palinsesto, oltre al già noto Passaparola di Marco Travaglio, anche un nuovo programma di Luca Telese (Fuoriluogo); la scorsa settimana Al Gore, cofondatore come si è detto di Current TV, ha dichiarato alla stampa nazionale che forti pressioni da persone vicine al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi erano arrivate a SKY per bloccare programmi sgraditi; tale notizia è da considerarsi di eccezionale gravità e tale da pregiudicare l’applicazione di qualsiasi principio democratico di rispetto della libertà dell’informazione in Italia, anche alla luce del fatto che nel nostro Paese, il Presidente del Consiglio dei ministri concentra nella propria persona una molteplicità di poteri politici, economici e mediatici che hanno determinato nel tempo un costante conflitto di interessi in capo al Presidente stesso -:

se corrisponda al vero quanto descritto in premessa e quali elementi si intendano fornire al riguardo;

se e quali iniziative si intendano assumere al fine di garantire l’esclusione di qualsiasi tipo di ingerenza da parte dell’attuale Esecutivo in ordine alle scelte commerciali compiute dalle emittenti televisive private;

se e quali iniziative si intendano assumere, per quanto di competenza, al fine di incoraggiare la presenza nell’ambito dello scenario mediatico del nostro Paese di network televisivi di indubbio rilievo democratico come ad esempio Current TV.

(4-12057)

 

3 Commenti

  1. Kin

    Secondo me le censure sono diverse: se ti voglio chiudere, visto che sono un ente privato, ti saluto e basta, non ti propongo un nuovo contratto a due milioni di euro…

  2. claudia spagnuolo

    Anche io annullero' l'abbonamento perche' non voglio contribuire nemmeno con una lira ad arricchire questa gente che ci vuole chiudere occhi e orecchie . Se la cosa e' veramente cosi' e' una vergogna e non voglio contribuire a farla proseguire

  3. Paola Moretti

    Grandi!!!
    Grazie ragazzi.Io sono una delle/i abbonate/i Sky che dopo aver scritto loro che avrei annullato l'abbonamento se non ripristinata Current, si è vista rispondere la spataffiata dell'esosa pretesa da parte della rete…

    dobbiamo salvarla:-))

Rispondi