Seguiamo il vento. Liveblogging ballottaggi

17.21 Corso Buenos Aires è bloccato da gente in arancione. A Milano c’è gente commossa per strada, mani stretti e abbracci sui marciapiedi. Milano è cambiata, Napoli è cambiata. Ma questo non è un vento che spazza, questo è un vento che semina. Adesso si festeggia. Si urla, si commuove e ci si festeggia. E’ da commuoversi. Le riflessioni a domani. Oggi si festeggia.

17.16 Luigi ha preso il 65%. Una valanga. Senza colore.

16.29 Napoli respira. Con Luigi vola.

16.28 Anche a Cagliari Zedda vola con il vento in poppa. Ci spostiamo al Comitato Pisapia e si continua da lì.

16.26 A Milano tutti in piazza Duomo.

16.18 Alla Provincia di Trieste rimane in sella il candidato di centrosinistra. Donna, tra l’altro. Nel suo programma scrive: perché non bisogna vedere solo le difficoltà, ma le occasioni per superarle e crescere.

16.14 Una volta si aspettavano i risultati finali. Anche i più esagitati. Oggi già il centrodestra sta già scaricando i risultati che devono arrivare. Girare pagina subito per non farla leggere troppo. Ma il Paese che cambia è tutto in questa pagina. Che dobbiamo scrivere, leggere, analizzare e raccontare con responsabilità e voglia attraversando l’Italia.

16.02 A Napoli De Magistris (Idv) al 60,2%, Lettieri (centrodestra) al 39,8%: questi i dati della seconda proiezione elaborata da Emg e diffusa pochi minuti fa nello speciale elezioni del tg La7. Un risultato del genere scassa a destra ma anche a sinistra.

15.28 ‘Il centro sinistra diventa sempre più sinistra’. Parola del senatore PDL Quagliarello. Magari.

15.21 “Per quanto riguarda la Lega è un momento di riflessione, ma anche di attesa per vedere cosa decide il grande sconfitto di questo voto che è il premier”. Lo dice il direttore della Padania. La Lega si scarta ancora prima che ci sia il morto. Adesso speriamo solo che i grandi statisti del csx non corrano dietro la sottana dell’infedele. Almeno questo.

15.16 Da Napoli chiedono di aspettare ad esultare e hanno ragione. Seguiamo i dati.

15.12 ‘Siamo stati gli unici che in qualche modo siamo andati in strada’. Parola di Umberto Bossi. Si è dimenticato le piazze piene di Giuliano e Luigi, forse.

15.10 Luigi De Magistris (54,5%) e Gianni Lettieri (45,5%) secondo gli Intention Pool. Adesso però è il momento di ragionare sui dati ufficiali.

15.09 Pisapia sembrerebbe stravincere tra giovani (61% a 39%) e laureati (65% a 35%), ma è in testa anche in tutte le altre fasce socio-demografiche. Letizia Moratti va leggermente meglio tra le donne (dove comunque perde 54-46), nella fascia d’età 35-54 (perde 52-48) e tra le persone con titoli di studio bassi (qui sfiora il sorpasso, fermandosi però al 49% contro il 51 di Pisapia). Questo secondo gli Intention Pool dei ragazzi di Termometro Politico.

15.08 A Cagliari Massimo Zedda (Centrosinistra) è al 49-52% e Massimo Fantola (Centrodestra) al 48-51%, secondo il sondaggio Tecnè sul ballottaggio per l’elezione a sindaco. Il margine d’errore è del 3%.

15.07 A Napoli gli Instant Poll dicono De Magistris.

15.04 Giuliano Pisapia 53,5 – 57,5%. Letizia Moratti 42,5 – 46,5%.Questo il dato che emerge dall’Instant Poll realizzato da Affaritaliani.it e Termometro Politico sul ballottaggio a Milano.

15.02 Dati SKY: Pisapia sindaco, De Magistris sindaco… Entrambi oltre il 4% di distacco.

14.52 Riunione finita. Fra 8 minuti chiudono i seggi. La tensione è palpabile. A Napoli si parla di scontro all’ultimo voto. Non c’è da incrociare le dita, oggi si raccoglie la semina.

13.48 Una strana circolare è arrivata dal Comune ai seggi. Interpreta il regolamento indicando di ritenere valide le schede con il nome di un candidato consigliere associandolo al sindaco di riferimento. In poche parole chi scrive Berlusconi vota valido la Moratti. Tanto per rendere l’idea dell’ossigeno che comincia a mancare a B. e ai suoi.

13.26 E’ ufficiale: l’ufficio stampa del PDL a Roma rimarrà chiuso oggi pomeriggio. Colpa di Pisapia?

12.55 riunione organizzativa. Il ritrovo per tutti è in P.za Duomo per seguire i risultati. È inutile e dannoso bloccare c.so Buenos Aires. Tutti in Duomo.

11.59 Sarà una giornata lunga, sarà una giornata in movimento. Ma adesso c’è tempo. Per chi vuole, qui raccontiamo la giornata (tra gli spostamenti in corso) per seguire il vento. Tra poco siamo con Giuliano alla prima riunione di coalizione di una giornata lunga. A Napoli Luigi è in attesa con il suo staff. Occhi aperti e adottate gli ultimi astenuti.

2 Commenti

Rispondi