Questione di scelte

Prima di andare a dormire e prima della direzionale nazionale di domani mi domandavo se fossi disposto a seguire l’onda che vorrebbe portarci verso il centro a inseguire il sempre più microscopico terzo polo, soprattutto dopo delle amministrative che hanno (ancora una volta) raccontato come esista una sinistra credibile nel ruolo di amministrazione e governo. E mi sono risposto di no. Quindi vado a dormire comunque tranquillo. Io.

3 Commenti

  1. Davide

    Non è questione di centro destra e sinistra ma di uomini, ed a Centro onestamente vedo molti uomini e donne che prima erano dovunque (sembra l'IDV in piccolo); insomma si abbia la DINGITA' di andarsene dopo aver fallito e non di rimanere attaccati alls propria poltrona con i denti.
    Vale per D'Alema come per Berlusca, come per Casini & company.

    Valori ed azioni, basta fuffa !
    Davide

  2. CAROLINA CUGNETTO

    Anche io son tranquilla, caro Giulio chi ha toccato con mani la sensibilità della gente ed asciugato il pianto di rabbia dei disoccupati, padri di famiglia, delle mogli disperate e precarie chi ha lottato a fianco dei tanti NON HA DUBBI….l'abbaglio è a destra !!!! Non c'è un centro perchè un CENTRO vorrebbe ancora giustificare certi comportamenti e certi toni compromissori…
    Non vogliamo COMPROMESSI, vogliamo SFOGARE LA RABBIA DELL'ITALIA CHE SOFFRE TUTTI I GIORNI e che non vuole più accontentarsi dell'abbaglio che ci propinano una destra ed un sitema disfattista della democraza e dei diritti, del futuro per i nostri figli e per i nostri stessi vecchi che…Il vento stà cambiando e finalmente la vera Italia si rialzerà
    quello che temo è il modo……staremo a vedere ma di sicuro SIAMO nella direzione giusta, SIAMO NOI LA SINISTRA !!!!!

Rispondi